Un plauso per l’iniziativa promossa ieri, 22 agosto, presso Villa Capuano da Gli Amici di Claudia ONLUS. Una serata di musica, di buon livello, con molta gente e tanti amici di Claudia. Dieci euro per partecipare alla festa, parte dei quali saranno devoluti a sostegno delle iniziative dell’Associazione. Il gruppo di medici, parenti e amici di Claudia Nicchia, una ragazza solare scomparsa a 24 anni a causa della fibrosi cistica il 5 gennaio del 2010, si propone di finanziare e sostenere la ricerca scientifica relativa alla Fibrosi Cistica e altre malattie croniche, adottando, ogni anno, un progetto di ricerca nazionale. Inoltre, prestare assistenza morale e materiale a persone, residenti nel nostro territorio, affette da malattie croniche e alle loro famiglie; istituire una equipe di psicologi a disposizione dei malati e delle famiglie; sensibilizzare e diffondere conoscenze su tali malattie.
La fibrosi cistica è la più comune delle malattie genetiche. Nel mondo sono colpite oltre 70.000 persone, in Italia sono oltre 4000, nella nostra Regione, la Puglia, circa 300. Chi nasce con la malattia ha ereditato un gene difettoso (gene CFTR mutato) da genitori portatori sani (c’è un portatore sano ogni 25 persone circa). E’ una malattia che colpisce numerosi organi, soprattutto i polmoni e le alte vie respiratorie, il pancreas, il fegato, l’intestino, l’apparato riproduttivo nei maschi. Non si è ancora in grado di guarire dalla fibrosi cistica. Si può però garantire ai malati una migliore qualità della vita. La ricerca scientifica è impegnata da tempo a ricercare un modo per correggere il gene difettoso e guarire definitivamente la malattia.
Ieri sera la tanta gente presente al Non ho l’età party si è divertita, ha ballato e ha sostenuto una giusta causa, volgendo il suo pensiero a Claudia, una ragazza capace di sorridere sempre e di donarci allegria anche da lassù.

8 COMMENTI

  1. Claudia è e sarà sempre cn noi, e sicuramente anke lei ieri sera si sarà divertita cm una matta!!

  2. bella iniziativa senza dubbio… l’unica nota stonata che i dj si sono fatti pagare nonostante fosse una serata di beneficenza…

    • Non so quanto c’è di vero in tutto questo, però se realmente si sono fatti pagare è uno scandalo.
      Personalmente conosco i DJ e non mi sembrano gente che fa ste cose… non si può mai dire però.

  3. Non so da dove sia saltata fuori questa notizia, ma sia i DJ che i gruppi non hanno percepito alcun compenso per la serata. Detta in parole povere: HANNO SUONATO GRATIS.

    Carlo Dalessandro

  4. Ciao a Tutti

    io sono stato uno dei dj a quella serata e preciso che io personalmente non ho ricevuto nessun compenso mettendo a disposizione la mia strumentazione e il mio servizio gratis.

    E’ stata una bella festa ed io mi sono divertito tanto .

    Giorgio Draisci

Comments are closed.