«Sono trascorsi ormai tre lunghi mesi, da quando l’Assessore alla cultura Avv. Marco Merlicco, dopo aver ricevuto una delegazione di genitori degli alunni che frequenteranno la classe quarta della Scuola Primaria “G. Di Vittorio” nell’imminente anno scolastico 2010/2011, si è reso disponibile alla risoluzione di un problema scaturito dagli ormai noti “tagli” alla scuola della Riforma Gelmini: la soppressione di una classe che riduce a 3 classi le 4 classi esistenti». Così si apre il comunicato stampa de La Cicogna redatto dall’insegnante Antonietta Scardigno, già vicario della scuola primaria “G. Di Vittorio”. Il problema da affrontare, per l’Amministrazione Comunale, sarebbe dovuto essere: «rendere idonee 3 aule dell’edificio scolastico ad ospitare le 3 nuove classi divenute così numerose». Il nuovo anno scolastico sta per iniziare e tutte le scuole sono all’ “opera” per provvedere all’organizzazione anche degli spazi, ovvero proprio di quell’aspetto dimenticato dall’Amministrazione Comunale. «Il problema è stato “scaricato” – conclude l’insegnante – o, se piace di più “rimbalzato” alla scuola».