Santa Barbara continua ad essere banco di confronto e polemica tra maggioranza e opposizione. Dal sito del Movimento Politico La Cicogna «IL CONSIGLIERE COMUNALE AVV. MICHELE SPECCHIO DEL GRUPPO CONSILIARE DE “LA CICOGNA” HA IMPUGNATO LA VALIDITA’DELLA RIUNIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 25 LUGLIO SCORSO CHIEDENDO AL TAR L’ANNULLAMENTO DELLA SEDUTA E DI TUTTE LE DELIBERE ADOTTATE NELLA CITATA ADUNANZA DEL CONSIGLIO». Tutto gira intorno alla notifica, infatti «l’amministrazione fa affidamento sulla lettera del regolamento, che prevede ai sensi dell’art.140 cpc, che la notifica si intenda formalizzata, per il decorso del termine minimo, al MOMENTO DELLA SPEDIZIONE DELLA RACCOMANDATA. La tesi è contrastata dall’avv. Specchio e dalla Cicogna,alla luce della sentenza n.10 della Corte Costituzionale, anno 2010. Una sentenza di cui,ovviamente,il regolamento non poteva aver tenuto conto! Con la citata decisione la Corte Costituzionale ha innovato la precedente giurisprudenza e sancito che la notifica abbia validità solamente all’atto del ricevimento della raccomandata». Concludendo «il Movimento politico La Cicogna precisa di aver intrapreso questa strada del ricorso al TAR al fine di ristabilire,all’interno del Consiglio, la legalità  degli atti e al fine di evidenziare il pressappochismo e la superficialità della attuale maggioranza consiliare».

Dopo il ricorso si passa alla proposta. «Il 26 agosto il gruppo consiliare de La Cicogna ha depositato due distinti documenti di osservazioni al piano di lottizzazione». Ecco in sintesi quanto proposto dalle parole di Franco Metta.

  1. «Lo schema di convenzione prevede passaggi che lo stesso ing. Mastroserio aveva segnalato come illegittimi ed aveva cancellato dalla proposta dei lottizzanti. Tali passaggi sono stati riproposti tali e quali: a scapito del Comune, a favore degli speculatori che risparmieranno,come sempre più spesso avviene, sulle somme da versare al Comune quali oneri di urbanizzazione.
  2. La lottizzazione non si limita a prevedere l’insediamento urbanistico nel comparto interessato,ma occupa spazi extra comparto. I lottizzanti assumono che così vengono incontro alle esigenze della amministrazione,facendo un sacrificio economico. Sacrificio economico:  Pasquale Alicino e compagni? Non sia mai detto…Infatti, si cedono spazi esterni al limite di Comparto,si sacrificano…..fintamente….aree dei lottizzanti. Ma queste sarebbero comunque destinate a fascia di rispetto e a verde: quindi,non utilizzabili economicamente; in compenso aumenta la spazio fisico entro la lottizzazione per stiparci casermoni a volontà.
  3. Il collegamento tra Rione Macello e Rione Montagnola è lontanissimo dall’essere assicurato. La strada che i lottizzanti intendono realizzare,con il solito scomputo,si ferma a metà strada. Collegamento: zero.
  4. Possibilità illimitata di cambiare il plano volumetrico garantisce ai lottizzanti potere assoluto ed incontrollato.
  5. Le urbanizzazioni non sono precettive e,quindi,succederà quello che è già successo in altre lottizzazioni: un lampione,una panca e squallore e desolazione.
  6. Il giudizio urbanistico è completamente negativo: ci si appresta a realizzare un altro quartiere dormitoio.
  7. Solita magia aliciniana. Una zona di S\1( urbanizzazioni primarie) travestita da zona s\2( urbanizzazioni secondarie) permette – stravolgendo il rapporto di copertura interno alla lottizzazione) -di realizzare ( il documento dice prudenzialmente due,invero potrebbero essere anche tre e mezzo) palazzine in più. Speculazione pura.
  8. Nota di colore. Le palazzine che si affacceranno sulla erigenda Chiesa,mostreranno all’ingresso monumentale della stessa il loro …LATO B… Di fronte all’ingresso della Chiesa si affacceranno non gli ingressi o i balconi degli edifici,bensì le finestrelle a servizio dei bagni dei singoli appartamenti. Entrambi i documenti sono anche fortemente polemici con il responsabile del settore ing. Mastroserio,in predicato di essere confermato o meno quale dirigente e,dunque, “sospettato” di speciale acquiescenza ai desideri dei referenti politici».

1 COMMENTO

  1. Metta parla bene. Dice belle cose. Ma tutti sti ricorsi che fine fanno? Rigettati? Accettati?

    Quando avremo le risposte coi fatti? Boh!!!!

Comments are closed.