La questione di questi giorni tra Berlusconi e Fini invita a riflessioni anche locali sul possibile ruolo che i politici pugliesi possono svolgere nello schierarsi o meno da una parte e dall’altra. Salvatore Tatarella, fratello di Pinuccio, colui che più di tutti voleva una grande partito che riunisse tutti coloro che non si riconoscevano nella sinistra, sostiene oggi l’idea di Fini. Abbiamo raggiunto allora l’Europarlamentare  per sottoporgli alcune domande.

Domanda: Pinuccio Tatarella aveva un progetto ambizioso, che Berlusconi dice di aver realizzato. Cosa non ha funzionato, cosa non funziona e perchè? Risposta: Pinuccio voleva costruire un grande partito popolare, aperto, arioso e capace di contenere tutti gli italiani che rifiutano la sinistra. Berlusconi ha tradito questo progetto, costruendo un partito personale, nel quale non è consentito dissentire dal capo. Non è questo che voleva Pinuccio, non lo vogliamo noi e tutte le persone di buon senso.

Domanda: A livello locale, pugliese e cittadino, esiste una corrente finiana? Che peso ha? Risposta: A livello pugliese sono già stati costituiti un centinaio di circoli di generazione Italia. Uno anche a Cerignola, con, tra gli altri, Mimmo Farina e Enzo Pece.

Domanda: Se “grazie ai finiani” non passano tutti quei provvedimenti previsti dal governo fino a Natale che scenario potrebbe prospettarsi? Risposta: Tutti i provvedimenti che fanno parte del programma elettorale avranno i numeri in parlamento. Dovremo discutere e capire meglio solo quelli che riguardano la giustizia: possiamo anche consentire, come abbiamo fatto innumerevoli volte nel passato, percorsi di tutela giudiziaria per il premier, a condizione di non vanificare gli sforzi di polizia e magistratura nella lotta contro il crimine.

Domanda: Vede in futuro la leadership di Berlusconi in pericolo? Se sì, chi vedrebbe come successore? Un ex-AN magari? Risposta: Tutti i leader tramontano e quindi anche Berlusconi. Il problema è che il cavaliere una ipotesi del genere nemmeno la prende in considerazione. Il successore sarà colui che riuscirà a coagulare il consenso maggioritario del popolo di centrodestra. Io vedo Fini.

Domanda: In vista di una prossima elezione. Candidando Vendola a sinistra, nel nord il centrosinistra ruberebbe voti alla Lega. Fini e i suoi li ruberebbero o riprenderebbero voti al/dal Pdl? Vede una coalizione Pdl-Lega indebolita da questo scenario? E l’Udc potrebbe essere il vostro alleato naturale? Risposta: Gli scenari futuri saranno dettati nell’ordine dalla crisi del governo Berlusconi, dalla nuova legge elettorale e dai nuovi schieramenti che si formeranno. E’ prematuro fare qualsiasi previsione. Sarà tutto diverso da oggi.
Tatarella, in definitiva, vede tradito il progetto di Pinuccio e Berlusconi pare essere un uomo al comando e non l’espressione di un partito. Su Fini l’On. crede possa essere il vero leader  alternativo alla sinistra. In attesa di ulteriori sviluppi ringraziamo per la gentilezza e la precisione Salvatore Tatarella.

2 COMMENTI

  1. Cavolo, questa è proprio una notizia in stile GRANDE TESTATA. Peccato che compaia su un sito locale e non abbia avuto almeno un pò di diffusione tipo gazzetta ecc
    su certi siti locali della nostra città ci hanno abituato a dischiazioni e notizie di droga e omicidi

Comments are closed.