Otto le band impegnate sabato 11 settembre sul palco di Piazza Matteotti, protagoniste di quella che può essere una vetrina importante per artisti emergenti. Il sindaco Giannatempo: «Uno spazio espressivo fondamentale a cui non abbiamo voluto rinunciare». Per l’assessore Merlicco si tratta di «un’occasione per ottenere un’adeguata visibilità».

Sono otto le band del territorio che prenderanno parte al “Cerinfestival”, sabato 11 settembre, alle 21, in Piazza Matteotti.

La manifestazione, giunta alla sua quinta edizione, rappresenta una vetrina per i giovani musicisti della zona, un’ occasione per farsi conoscere con i loro brani e, magari, suscitare l’attenzione di qualche addetto ai lavori nella speranza di fare strada. E’ organizzata dall’Assessore alla Cultura, Marco Merlicco, dal presidente della Consulta Sport e Spettacolo, Michele Allamprese, e dall’associazione “Cerignola Futura”, guidata dal consigliere comunale Giuseppe Debenedictis, con la collaborazione dell’Ufficio Informa e di un altro consigliere comunale, Luca Reddavide, che di questa iniziativa è stato l’ideatore. La kermesse, che sarà uno dei momenti più importanti della “Notte Bianca”, prevede l’esecuzione di canzoni inedite di artisti al momento non vincolati da contratti con etichette discografiche. A valutare la bontà dei brani sarà una giuria tecnica presieduta dal professor Savino Romagnuolo e composta da alcuni giornalisti di testate locali.  «Il Cerinfestival – dice il sindaco Antonio Giannatempo – riflette perfettamente la nostra intenzione di assicurare ai giovani della nostra città adeguati spazi espressivi, momenti di confronto culturale, musicale e sociale. Pur vivendo il Comune una condizione di difficoltà finanziaria, non abbiamo voluto negare ai ragazzi la possibilità di mostrare ciò che sono capaci di fare con la loro musica, così come non abbiamo voluto privare l’intera città delle sensazioni che solo le esibizioni musicali dal vivo sono in grado di offrire».

«E’ un appuntamento importante – afferma l’assessore Merlicco – per consentire ai nostri giovani di ottenere la giusta visibilità, sia per i loro meriti squisitamente artistici sia per l’esempio che offrono, dando dimostrazione di come lo sviluppo delle loro capacità ed inclinazioni artistiche rappresenti il miglior strumento per evitare fenomeni di devianza». E se quest’anno il “Cerinfestival” si esaurirà in una notte, l’edizione del 2011 sarà decisamente più corposa, come spiega il presidente della Consulta Sport e Spettacolo, Michele Allamprese: «La manifestazione durerà quattro giorni, dal 31 agosto al 3 settembre, così da arricchire l’offerta musicale per i cittadini e da permettere a un maggiore numero di artisti di mostrare ciò che sono in grado di fare».

Ecco un filmato della prima edizione del Cerinfestival

lanotiziaweb.it seguirà in diretta la serata

1 COMMENTO

  1. otto gruppi????
    ahhahahaahahhahaha….
    …ci sarà più gente all’Indiegesto che al CerinFASCIO

Comments are closed.