L’opera verrà rappresentata domenica 5 settembre in Piazza Duomo e sarà preceduta da dibattiti, mostre ed incontri istituzionali sulla cooperazione euro mediterranea. Alla manifestazione prenderà parte anche una delegazione del governo albanese. Ridare slancio a Cerignola e alla Capitanata facendo rivivere l’avventurosa vicenda umana ed artistica di un gigante della musica lirica italiana. E’ l’obiettivo del “Settembre Mascagnano – Premio Pietro Mascagni – Amici della Città di Cerignola”, giunto alla seconda edizione, che si terrà sabato 4 e domenica 5 settembre. La manifestazione, ideata e diretta da Mara Monopoli, è organizzata dalla Provincia di Foggia e dal Comune di Cerignola, in collaborazione con la Pro Loco di Cerignola e l’associazione Iris – Centro di documentazione e di produzione mascagnano.  «E’ questa una vetrina importante per la nostra città – afferma il primo cittadino Antonio Giannatempo – un modo per conoscere meglio un artista che, pur non essendo cerignolano di nascita, tanto lustro ha dato alla nostra città. E davvero iniziative come questa possono dare nuova linfa a Cerignola dal punto di vista culturale e non solo, per cui faremo in modo che non si tratti di eventi isolati».

Il grande compositore livornese visse una parte importante della sua vita nella Cerignola di fine ‘800, e qui trovò l’ispirazione per comporre quello che è stato il suo capolavoro, la “Cavalleria Rusticana”, massima espressione del Verismo musicale ed opera mediterranea per eccellenza. Sempre durante la sua permanenza nella nostra città, nel 1895, il maestro realizzò “Silvano”, una delle opere che meglio riflette la sua vena artistica, un dramma marinaresco composto per espressa richiesta dell’ editore Sonzogno, che desiderava un’opera breve da accorpare all’atto unico di “Cavalleria Rusticana”. Ed  è proprio quest’ opera, che Mascagni dedicò all’allora sindaco di Cerignola, Giuseppe Cannone, che verrà rappresentata domenica 5 settembre, alle 20.30, in Piazza Duomo. La serata sarà condotta dal giornalista Costantino Foschini con la partecipazione della direttrice artistica del “Settembre Mascagnano”, Mara Monopoli.  A eseguire i brani saranno l’Orchestra Apolonia Symphonic Orchestra di Fier (Albania) e il Coro Misto di Thesaloniki (Grecia), diretti dal maestro Ettore Papadia, del Centro artistico musicale Paolo Grassi di Martina Franca. I solisti saranno Francesco Zingariello, nelle vesti di Silvano; Mara Monopoli, che impersonerà Matilde; Solen Alla, baritono Renzo, e Rosa Cappon, mezzosoprano, Rosa. Cover: Rudolf Buchmann e Ana Lushi del Cantiere Lirico “Pietro Mascagni” – Fondazione Teatro Goldoni – Progetto Around Mascagni  – Città di Livorno. La regia sarà firmata da Guia Farinelli Mascagni, nipote del grande maestro. L’idea di rappresentare Silvano nasce a Cerignola durante l’Incontro di Cooperazione Italo-Albanese del 24 febbraio scorso, in occasione della celebrazione dei venti anni di cooperazione, amicizia ed integrazione tra la Regione Puglia e l’Albania. La rappresentazione di Silvano sarà preceduta dalla cerimonia di consegna del Premio Pietro Mascagni – Amici della Città di Cerignola 2010. Saranno premiati, per la parte artistica, il celebre mezzosoprano Bruna Baglioni, acclamata interprete di Santuzza in numerose importanti rappresentazioni della Cavalleria Rusticana e, per la parte istituzionale, l’onorevole Gianni Pittella, primo vicepresidente del Parlamento Europeo, e l’europarlamentare Mario Mauro, co-presidenti di Meseuro – Centro Studi Europeo dedicato all’Europa del Mediterraneo Il premio è costituito da un’ opera ispirata al Sogno di Silvano (Atto II) dell’artista cerignolano Gioacchino Loporchio.  Sabato 4, invece, alle 18.30, presso Palazzo Coccia, verrà presentato il libro “La vocazione didattica di Pietro Mascagni” di Vincenzo Guercia, giovane ricercatore cerignolano, prodotto da IRIS.

Uno degli obiettivi del Settembre Mascagnano è consolidare i rapporti e realizzare iniziative con l’Assessorato alle Politiche Culturali della Città di Livorno, con la quale, nel 2006 Cerignola ha stipulato un Patto di Amicizia e di Collaborazione Culturale sul tema  Mascagni e il Nuovo Mondo. Sempre Palazzo Coccia ospiterà sabato 4 e domenica 5 una mostra foto-documentaria su Pietro Mascagni, a cura di Iris, che si avvarrà della consulenza storica del prof. Antonio Galli, presidente della Pro Loco di Cerignola. Domenica 5, alle 11,00 presso l’aula Consiliare del Palazzo di Città si terrà un incontro sui temi della Cooperazione Euromediterranea per la cultura, la crescita e lo sviluppo di territori socialmente responsabili, a cui prenderà parte una delegazione istituzionale albanese, composta dal primo consigliere del primo ministro Berisha, Neritan Ceka, dal viceministro della Cultura e del Turismo, Suzana Turku; il Presidente della Regione di Fier, Luan Mucaj; il sindaco di Fier, Baftiar Zeqaj; il sindaco di Lushnja, Albert Sanxhaku, e da quello del Comune di Leven, Agim Qevani. I rappresentanti istituzionali discuteranno alcune proposte di collaborazione. Tra queste,  la firma di un Protocollo d’Intesa tra il Settembre Mascagnano, l’ Apolonia International Festival (Albania) e il Corfu Chamber Opera di Corfù – Grecia, e la firma di accordi con la Fiera dell’Artigianato e dei Prodotti Enogastronomici della Regione di Fier (Apolonia) e partecipazione di aziende locali del territorio di Cerignola e della Provincia di Foggia. Ma si discuterà  anche la possibilità di dar vita a un Premio Europeo per i migliori componimenti degli studenti delle scuole medie superiori di Cerignola sui temi dell’europeismo e della cittadinanza europea, così come la proposta di candidatura del Complesso di Torre Alemanna di Cerignola all’acquisizione del Marchio per il Patrimonio Culturale Europeo. Al contrario di tutti gli insediamenti teutonici in area mediterranea, infatti, Torre Alemanna rappresenta l’unico luogo visitabile.