A pochi giorni dall’inizio del campionato, proviamo ad ipotizzare una “griglia di partenza” per la stagione che si avvia domenica. Come da consuetudine costante negli anni, il torneo di Eccellenza sarà molto equilibrato e combattuto fino all’ultimo: chi succederà al Nardò vincitore lo scorso aprile? Nella nostra personale prima fila collochiamo il neopromosso Racale e il Martina: entrambe le formazioni si sono rafforzate molto in sede di mercato e, seppur con differenti motivazioni (l’una per continuare a fare la storia, l’altra per tornare al passato che fu), cercano la vittoria finale. Più bellicosa sembra essere la società salentina, il cui presidente ha chiaramente affermato di volere la serie D, acquistando gente come Cimarelli ed Antimo che hanno esperienze in serie superiori. In seconda fila, per l’aggancio in zona play-off, vi sono Bisceglie, Fasano, Tricase e Castellana; con quest’ultima che vorrà ripetere il buon risultato dello scorso anno. Meno accreditate sembrano essere le compagini di Monopoli, Lucera e Terlizzi (che però ha preso Notariale come allenatore, non al livello dello scorso anno i baresi ma possibili mine vaganti); più complicato il discorso sul Manfredonia, in quanto la formazione della rosa è avvenuta in netto ritardo rispetto alle altre, perciò sospendiamo il giudizio. Le sorprese potrebbero rivelarsi il Vieste e il Sogliano, mentre il resto delle pretendenti avrà come obiettivo un campionato tranquillo o la lotta per non retrocedere. E l’Audace Cerignola? Per scaramanzia forse, o meglio ancora per realismo giusto per non alimentare attese troppo sopra le righe, non posizioniamo la società ofantina nella prima fascia ma subito a ridosso della stessa. D’altronde le dichiarazioni dei dirigenti spingono per un basso profilo, pur nella convinzione che l’organico sia di livello. Le mosse di calciomercato dimostrano come i gialloazzurri si siano rinforzati con alcuni elementi cardine in zone decisive del campo, e abbiano messo in panca un allenatore che sa il fatto suo. Non a caso, obiettivi precisi non sono stati citati, ma questa squadra chissà, potrà fare davvero bene, pur partendo a fari spenti.

CONDIVIDI