L’ufficio stampa del Movimento La Cicogna ci manda, in tardo pomeriggio, una nota sulla questione dei presunti fondi, erogati dal comune per la festa patronale, e gestiti, a detta di un quotidiano locale, dal consigliere comunale Marinelli del suddetto Gruppo Politico. Riportiamo di seguito il testo integrale.

“Leggo testualmente un passaggio dell’articolo incriminato a cura di Federica Libertino: “…per l’organizzazione della festa patronale in onore della Madonna di Ripalta, il comune ha erogato un contributo di 15 mila euro la cui gestione, per quanto concerne la parte musicale, è affidata al consigliere comunale de “la Cicogna” Luigi Marinelli…”.

Falso. Impreciso.

E’ vero che il Comune ha erogato questa somma per l’organizzazione della Festa Patronale, ma è falso e gravemente imprecisa l’affermazione “….la cui gestione, per quanto concerne la parte musicale, è affidata al consigliere comunale de “la Cicogna” Luigi Marinelli”.

Il Comune contribuisce all’organizzazione della Festa Patronale con un contributo che è totalmente gestito dalla Deputazione Feste Patronali.

Quindi non c’è nessun diretto legame tra Luigi Marinelli e il Comune di Cerignola!!

È grave insinuare una simile situazione, che non si tratta di un “semplice travisare la notizia”.

A Maggior ragione credo che sia nell’interesse del giornale, in questo caso Il Quotidiano di Foggia, verificare le notizie ed eventualmente valutarne gli eventuali contrasti con notizie precedentemente pubblicate.

In un articolo del Vostro Quotidiano, precisamente pag.10 del 7 settembre 2010,a cura di Antonella Muccilli, il Presidente della Deputazione, dott. Sabino Cioffi, afferma: “…abbiamo incontrato grandi difficoltà, tanto che siamo stati costretti a rivolgerci ad aziende di paesi limitrofi e soltanto grazie a “Mythos” di Barletta è stato possibile organizzare la Kermesse …in piazza…

Quindi, è chiaro che il costo della Serata è stato quasi totalmente coperto dal contributo di partecipazione degli Atelier invitati.

E’ grave strumentalizzare l’informazione. Ancor più grave tentare di giustificare un simile atto.

Credo, crediamo e ci auguriamo che prima di scrivere un articolo ci si informi meglio, evitando di mettere in cattiva luce, a meno che l’obiettivo non sia proprio questo, persone oneste come il  Consigliere Marinelli.

Facciamo un informazione seria. Non cerchiamo di giustificare le azioni di amici infangando nomi d’altri.

E’ chiaro che  queste false informazioni e diffamazioni saranno perseguite per vie legali”.

  • è tutto come un bicchiere d’acqua di Monticchio!!!
    C A P I T OOOO!!!!!!!