«Non posso che applaudire alla continuazione del servizio di assistenza alla comunicazione e all’autonomia a favore di alunni diversamente abili, pensato e programmato dal governo di centrosinistra in sinergia con l’associazione “Superamento Handicap” e puntualmente avviato dal commissario prefettizio». Esprime soddisfazione Rino Pezzano, consigliere provinciale ed ex assessore ai servizi sociali, per il servizio di assistenza a 19 diversamente abili a Cerignola.

«L’auspicio è che questi contributi vengano erogati con una programmazione certa e non una tantum, in modo tale da garantire al bambino una completa formazione: bisogna accuratamente evitare, infatti, che il servizio cessi nel bel mezzo dell’anno scolastico, interrompendo anche un rapporto umano e di fiducia che si crea tra ragazzo e assistente».

«Per questo motivo- continua Pezzano- sarebbe stato utile reperire fondi in maniera più oculata. So benissimo che i contributi del Piano sociale di Zona utili a finanziare il progetto (grazie anche ai tagli del Governo Berlusconi), arriveranno nelle prossime settimane, ma invece di sperperare denaro in improbabili ed esose stagioni culturali estive, giacchè il Comune è obbligato a rendere un servizio ai ragazzi diversamente abili, sarebbe stato giusto impegnare più risorse nel sociale».

Ma la battaglia non si ferma nel Comune di Cerignola. «Il mio impegno in tal senso è costante anche in Provincia con l’assessore Montanino: “non ci sono fondi”, ci sentiamo ripetere. Ma l’assistenza è obbligatoria e, quindi, che i fondi si trovino».