Giocano d’anticipo sul natale al Comando provinciale della Guardia di Finanza di Foggia sequestrando oltre 56mila giocattoli che, tra poco meno di tre mesi, sarebbero finiti nelle mani dei più piccoli. Materiale proveniente, prevalentemente, dal mercato asiatico, stipato in un deposito clandestino a Foggia. Giocattoli, occhiali, borsette, arricciacapelli: tutti prodotti di scarsissima qualità pertanto venduti a prezzi irrisori. Nello specifico sono stati sequestrati 3.824 giocattoli e 34.676 prodotti elettronici non conformi alla normativa Ce sulla sicurezza e quindi potenzialmente nocivi per la salute umana. Articoli destinati non soltanto a riempire scaffali di negozi gestiti da cinesi, ma anche quelli di numerosi rivenditori di Foggia e Provincia. Difficile quantificare – dicono le fiamme gialle – il valore complessivo della merce, anche perchè ogni pezzo ha un prezzo che oscilla tra i 3 e i 5 euro. Nell’ambito, inoltre di attività specifiche finalizzate alla tutela della sicurezza pubblica, i finanzieri hanno scoperto ad Apricena un laboratorio dove venivano prodotti artigianalmente fuochi pirotecnici dall’alto potere esplodente. Due quintali di materiale pirico nascosti in un appartamento, che se maneggiati incautamente avrebbero potuto radere al suolo l’intero stabile. Infine a Cerignola maxi sequestro di merce contraffatta: capi d’abbigliamento riportanti marchi celebri utilizzati per dare qualità a prodotti di scarsissima manifattura. Al termine delle indagini sono state arrestate quattro persone e denunciate sette.

(fonte Teleradioerre – Tatiana Bellizzi)