Vivevano abusivamente in una proprietà privata, in pessime condizioni igienico sanitarie, “rubando” anche la luce elettrica. Lo hanno scoperto i carabinieri di Cerignola che, nei pressi del casello autostradale dell’A14, dietro ad un distributore di benzina hanno scoperto un terreno agricolo con alcuni caseggiati che erano stati occupati abusivamente da quaranta cittadini romeni, giunti in Capitanata per lavorare come braccianti agricoli nelle campagne della zona. I romeni vivevano in condizioni a dir poco precarie senza servizi igienici e in uno stabile costituito da poche stanze. Durante i controlli i carabinieri hanno scoperto che uno dei romeni si era allacciato abusivamente ad un palo della luce, rubando cosi l’energia elettrica. Inoltre durante il blitz i militari hanno anche trovato e sequestrato un ciclomotore Piaggio Vespa CC 50 risultato rubato a Barletta lo scorso anno. Le indagini dei carabinieri si sono concluse con la denuncia all’autorità giudiziaria di 37 cittadini Romeni, di cui due minori, per occupazione di terreni ed edifici. Un altro cittadino romeno è stato denunciato per ricettazione del ciclomotore; mentre un altro Victor Hristea, di 53 anni, senza fissa dimora è stato arrestato con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica. (fonte Teleblu)

CONDIVIDI