Convincente, pratico, ineccepibile. Questo in sintesi il Cerignola che corsaro espugna il “Vito Curlo” di Fasano, battendo i brindisini per 3-1. Partita giocata alla perfezione dai gialloblu, un’iniezione di fiducia notevole perché la vittoria conquistata è arrivata su un campo difficile e in un ambiente ostile senza l’apporto dei tifosi. Da segnalare la protesta anche dei supporter fasanesi che entrano sugli spalti dopo 25 minuti e nella ripresa, divisi in due gruppi, per protesta nei confronti dei divieti che limitano la passione degli sportivi. Audace d’attacco in formazione, Di Corato tra gli altri schiera Matera e Trovato in difesa, conferma Conte al fianco di Rufini in mediana, Giacco e Lasalandra in avanti supportati da Piscopo e Zonno. Prima mezzora sonnolenta, gli ofantini poi accendono il match. Errore al rinvio del portiere del Fasano, Piscopo s’invola e crossa al centro, Zonno di testa colpisce una clamorosa traversa. Seguono occasioni da una parte e dall’altra, e il gol sembra nell’aria. E’il Cerignola a sbloccare al 42’ con Giacco di testa, abile ad incornare un perfetto calcio piazzato di Rufini. Nel secondo tempo, quinto minuto, subito il raddoppio per le cicogne: corner battuto ancora dal centrocampista calabrese, ne nasce una mischia ed un difensore di casa (Asselti) mette nella propria porta. Fasano stordito, ma poco dopo, esattamente al 12’ l’arbitro Panarese assegna un dubbio rigore ai biancazzurri: veementi proteste, ne fanno le spese Conte e Rufini ammoniti; dagli undici metri trasforma Frascolla per il momentaneo 1-2. Sei minuti dopo, ecco il tris di Matera che sceglie il tempo giusto su una perfetta, una volta di più, punizione di Rufini superando Di Gennaro. Al 37’ il Cerignola rischia a sua volta l’autogol ma la scivolata di Papagno non termina in fondo al sacco, mentre nel finale sciupata una ghiotta occasione per aumentare il bottino. Straordinario oggi il faro della squadra Rufini, sempre presente nelle azioni dei gol, su esemplari calci piazzati; nota di merito anche per Giacco sperando che si sia sbloccato definitivamente e riesca a gonfiare con regolarità le reti avversarie. L’Audace, al secondo successo consecutivo, ad otto punti in classifica è all’ottava posizione, ma a sole due lunghezze dal Vieste, secondo, a quota 10. Giovedì nuovo turno infrasettimanale, al “Monterisi” arriva il Tricase, sfida che può chiarire ulteriormente le intenzioni del Cerignola in questo torneo.

FASANO-CERIGNOLA 1-3
Reti: 42’ pt. Giacco (C); 7’ st. aut. Asselti (F); 12’ st. Frascolla (F) su rig.; 18’ st. Matera (C)

Fasano: Di Gennaro, Asselti, Quercia, De Gamargo Junior, Bartoli, Previderio, Terrone (39’ st. Ziliotto), Cellamaro (35’ st. Lopez), Ragno, Frascolla, Aloisio. A disp.: Moschetto, Franco, Albanese, Volturno, Guacci. All. Longo

Cerignola: Leuci, Campierchio, Papagno, Rufini, Matera, Trovato, Piscopo (27’ st. Tarantino), Conte, Giacco, L. Lasalandra (19’ st. Zitolo), Zonno (36’ st. Pugliese). A disp.: Gervasio, Patruno, Grieco, R. Lasalandra. All. Di Corato

Arbitro: Panarese di Lecce

Note:  ammoniti Quercia (F), De Gamargo Junior (F), Piscopo (C), Conte (C), Rufini (C), Matera (C), Zitolo (C)

CONDIVIDI
  • ciccillo

    Forza gnola….avanti così..!!!