Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Comune di Cerignola a proposito di un’interrogazione proposta dai consiglieri del PdL, Allamprese e Marro, circa il ritrovamento di vasi per fioriere di proprietà del Comune davanti alla villa in costruzione di un privato. Sono in corso le indagini della Polizia municipale per ricostruire i fatti.

I consiglieri comunali del Pdl. Michele Allamprese e Arcangelo Marro, hanno inviato un’ interrogazione al Presidente del Consiglio comunale, Natale Curiello, e agli assessori al Bilancio e alla Sicurezza, Nicola Gallo e Franco Reddavide, circa la presenza di quattro vasi per fioriere di proprietà comunale su un suolo privato. La loro presenza, repertata fotograficamente,  è stata riscontrata davanti al cancello d’ ingresso di una villa privata in costruzione in via Trinitapoli.  “E’ palese – scrivono i due consiglieri – come la condotta posta in essere dal privato, certa, con l’eventuale connivenza di pubblici funzionari, da accertare,  sia in aperta violazione delle norme basilari circa l’ utilizzo dei beni pubblici. Si formula interrogazione al fine di conoscere il nominativo del proprietario del fondo ove insistono i vasi di proprietà comunale, il momento in cui si è provveduto a depositare in detta zona i vasi e il dipendente comunale nonché il funzionario responsabile. Si chiede, altresì, quali siano le iniziative che si intendono intraprendere al fine di porre argine all’evidente illecito e le sanzioni eventualmente da comminare al proprietario del fondo”. In seguito a tale interrogazione, l’Assessorato alla Sicurezza conferma l’accertamento posto in essere dagli agenti della Polizia municipale, che stanno svolgendo indagini per capire come mai beni di proprietà comunale siano finiti su un terreno di proprietà di un privato. “Anche con interventi di questi tipo vogliamo lanciare un messaggio a tutti – spiega l’assessore alla Sicurezza Franco Reddavide – questa è una città in cui stiamo cercando di far rispettare le regole, per cui, se si accerteranno responsabilità di amministratori o funzionari in questo episodio increscioso non faremo sconti a nessuno”.

  • Lionetti Antonio

    Oh, DIO MIO!!!
    Oh, my GOD‼! Per gli stranieri.
    Due fioriere (dico due mica una) di proprietà comunale rubate e poste dinanzi ad una Villa di un privato???
    Un episodio increscioso, dice l’assessore alla sicurezza, per il quale non farà sconti a nessuno. AZZ!!!
    Bisogna far rispettare le regole in questa città, è vero! Iniziamo da questo filibustiere che ruba le fioriere per adornare la sua residenza. ARIAZZ!!!
    Un farabutto di prima categoria che non è sfuggito ai volpacchiotti Allamprese e Marro.
    LODI LODI LODI a questi scaltrissimi consiglieri.
    Emeriti… Consiglieri, solo un consiglio, se vi avanza tempo. Potreste occuparvi anche di questo: diverse aree della città infestate da erbacce e sedi stabili di ratti grandi quanto tapiri – copertoni, frigoriferi, materassi, mobili vari e case di Barbie abbandonati per tutta la città – ubriaconi comunitari ed extracomunitari che vagano imperturbabili ad ogni ora per la città – diffuso e perpetrato commercio di merce contraffatta – diffusissimo parcheggio selvaggio delle autovetture senza il benché minimo rispetto dei divieti – gare di velocità fra scooter, nelle ore serali, lungo il corso principale della città – zone periferiche abbandonate e senza nemmeno un dvd registrato dello spettacolo dei Mudù – marciapiedi infestati da escrementi di cane che riuscendo a scansarli si entrerebbe nel Guinness dei Primati – viabilità cittadina da “Giochi senza Frontiere”.
    Non vi affannate subito Consiglieri.
    Terminate prima il censimento delle fioriere comunali e solo se vi avanza tempo dedicatevi a queste inezie, che alla fin fine sono problemi minori rispetto alle Vostre scoperte.

  • piano piano

    piano con i commenti….
    vediamo di chi è la villa. potrebbe esserci qualche sorpresa spiacevole!!
    piano piano…

  • Antonio

    mi viene il vomito a sentire tutto cio’.

  • patrizio

    QUINDI SE A ME MI CHIAMARONO “GABIBBO” A STI DUE POSSIAMO CHIAMARLI ” FABIO E MINGO”? IO PENSO CHE E’ LECITO.