Il gruppo consiliare de “ la Cicogna” interroga il sindaco e l’assessore alla trasparenza per sapere se intendano o meno a tutela della corretta ed imparziale applicazione della legge, a garanzia dei numerosi cittadini gravemente danneggiati e discriminati, a sanzione di una serie infinita di irregolarita’ annullare con effetto immediato la procedura di selezione per il reclutamento di 36  rilevatori e 6 coordinatori per il 6° censimento generale dell’agricoltura e le  conseguenti graduatorie. Si pongono a fondamento della richiesta sopra esposta le seguenti osservazioni.

1) PUBBLICAZIONE CONTEMPORANEA SUL SITO DEL COMUNE DI DUE BANDI IN
CONTRADDIZIONE TRA LORO. Sul sito del Comune sono tuttora consultabili due bandi diversi per la medesima selezione. Uno datato 14 settembre,l’altro datato 20 settembre. Tra i due bandi vi sono divergenze essenziali,tali da poter trarre in inganno gli eventuali partecipanti. Sono diverse le date iniziali e finali per la presentazione in tempo utile delle domande. Diverso il punteggio previsto per i titoli.
2) INCONGRUENZE DEL BANDO. Nel secondo bando – quello del 20 settembre,che orientativamente, proprio perché successivo,prenderemo in considerazione come quello effettivo – nel disporre i termini temporali della presentazione della domanda, particolare di non modesta rilevanza, si legge la seguente formulazione: “La domanda deve essere compilata a partire dal 20 settembre 2010 a partire fino al 04 settembre 2010 utilizzando l’apposito modulo e allegando il curriculum vitae”. Chi ci comprende qualcosa è bravo! Per i coordinatori il bando prevede che verrà impartita la necessaria formazione presso il palazzo di Città in due date,indicate nel 7 e nell’8 ottobre. Come ciò sia possibile,quando i colloqui di valutazione venivano fissati, nello stesso documento, per i giorni 14 e 15 ottobre resta un glorioso mistero.
3) MANCATA REDAZIONE DELLA GRADUATORIA PROVVISORIA. Il bando – inequivocabilmente – prevedeva che in base ai curricula presentati dai candidati venisse stilata una graduatoria provvisoria. Del tutto omessa questa formalità!
4) INESATTA ATTRIBUZIONE DEL PUNTEGGIO PER TITOLI. Circostanza indiscutibilmente vera e di una gravità eccezionale. Rilevante penalmente. Nel bando è previsto che per i titoli di studio vengano attribuiti i seguenti punteggi: 9 punti per la laurea in agraria; 8 punti per il diploma di laurea in agraria; 7 punti per diploma di laurea e così via. Consultando le graduatorie si osserva che a nessun candidato è stato  attribuito per i titoli più di sei punti: dunque,nessun candidato era in possesso di laurea(7 punti); diploma di laurea in agraria(8 punti); laurea in agraria ( 9 punti).
FALSO.
FALSISSIMO.
DOLOSAMENTE FALSO.
VISTO CHE NUMEROSISSIMI CANDIDATI ERANO IN POSSESSO DEI TITOLI INDICATI.
LAPICCIRELLA TERESA.
Laureata! Punti 5, in graduatoria per il diploma di laurea i punti da assegnare erano 7: si veda il bando. Con i due punti inspiegabilmente sottratti Lapiccirella Teresa passerebbe a 11.
OCCHIELLO ERNESTO. Laurea Triennale in scienze delle Produzioni e Marketing agroalimentare. Da assegnare 8 punti; almeno sette,nel peggiore dei casi. Ha solo 5 punti,quelli concedibili a chi ha il diploma di scuola media superiore. Il curriculum di Occhiello,come quello di Lapiccirella,fa paura. CONVERSANO GIUSEPPINA. Laurea di I livello in Scienze delle Produzioni e Marketing Agroalimentare. 5 punti! Perché mai?
5) MANCATA INDICAZIONE DEI CRITERI DI SELEZIONE IN RIFERIMENTO AL COLLOQUIO.
Si dispone una selezione per titoli e colloquio. Va presunto che il colloquio,determinante per la composizione della graduatoria,dovesse vertere su precisi argomenti. Disponiamo di multiple testimonianze di partecipanti alla selezione che univocamente riferiscono di un colloquio farsesco. A\ tecnico; del tutto inconferente; avvilente per la natura delle domande,che in buona sostanza si limitavano a  ripercorrere e chiedere conferma dei curricula già presenti agli atti della  commissione. Se le domande erano: Come ti chiami? Che titolo di studio hai ? Hai esperienze precedenti? Come si è potuto graduare la concessione dei punti? E’ stato premiato chi si ricordava meglio le proprie generalità? Interpellato da alcuni candidato il dottor Filippo Re ha spiegato la attribuzione di voti diversi ai partecipanti alla selezioni in base a criteri soggettivi. Legittimi, se applicati alle risposte offerte dai candidati a domande aventi un contenuto. Si registrano candidati con laurea,curricula di tutto rispetto,classificati con un 4.50 al colloquio,senza che si comprenda a quale domanda non abbiano saputo rispondere. Ovviamente il ragionamento vale “ a contrario” per quanti hanno trionfalmente concluso con 6 punti la prova orale.
6) ANTICIPAZIONE DELLA DATA DEI COLLOQUI.
Vero è che questi dilettanti allo sbaraglio avevano indicato nel bando le date del 14 e 15 ottobre come quelle in cui si sarebbero svolti i colloqui.
ORIENTATIVAMENTE.
Citiamo testualmente: orientativamente. Non commentiamo per carità di patria. Ma, poi, i colloqui sono stati orientativamente anticipati. Senza avvertire i candidati
7) MANCATA CONSEGNA AI CONSIGLIERI COMUNALI RICHIEDENTI DEI VERBALI DELLA
COMMISSIONE GIUDICATRICE,PROPEDEUTICI ALLA FORMAZIONE DELLE DUE GRADUATORIE.
Nel momento in cui il presente atto viene redatto i sottoscritti consiglieri comunali non hanno ancora ottenuto la copia dei verbali. Si è appreso ufficiosamente che questi verbali risultano ancora in minuta. Situazione ancor più assurda ed inspiegabile.
PRIMA SI PUBBLICANO LE GRADUATORIE, POI SI REDIGONO I VERBALI DELLE PROVE. QUESTI VERBALI NON SONO UFFICIALMENTE OSTENSIBILI AI CONSIGLIERI COMUNALI PERCHE’ ANCORA MINUTATI. E’ FANTASTICAMENTE INCREDIBILE!
Sono svanite così le speranze di tanti ragazzi,che avrebbero voluto un lavoro: temporaneo,mal pagato,non sognato,ma un lavoro. Certo non potevano essere tutti accontentati. Ma che ai delusi non resti la rabbia e l’amarezza di aver subito un torto che non si renda l’Amministrazione Comunale nella Sua espressione rappresentativa dei cittadini colpevole di complicità.

3 COMMENTI

  1. Caro Movimento Politico La Cicogna molto probabilmente Voi siete a conoscenza ma, chiaramente, non potete esporre la domanda principale, quella che prescinde da qualsiasi titolo di studio ed esperienza precedente, quella fondamentale per l’attribuzione di ben 20 punti: di chi sei parente o amico? Beh, pochi dei partecipanti erano parenti o amici di chi siede su alcune poltrone.
    Questa la domanda alla quale tutti i laureati da Voi citati non hanno saputo rispondere. Eppure avevo passato loro i pizzini con la risposta esatta !!!!

  2. non credo che la signorina fosse l’unica laureata, e che sia l’unica a non essere stata presa.
    c’erano molti laureati.
    c’è a chi va bene e a chi no.
    ritenti al prossimo giro!

Comments are closed.