Otto vittorie, di cui sette consecutive; nessun pareggio, cinque successi su cinque in casa; miglior difesa del campionato al pari del Vieste con 5 gol subiti, non prende reti da quattro gare. Questi sono i numeri del Martina, capolista e prossimo avversario dell’Audace Cerignola domani, per l’undicesimo turno di Eccellenza pugliese. Un arduo compito attende i ragazzi di Di Corato, che se uscissero dal “Tursi” anche con un pari, sarebbe quasi come la conquista dei tre punti. La squadra biancoceleste sta confermando il copione che la vedeva una tra le più serie candidate alla vittoria finale, premiando gli sforzi fatti dalla società per allestire un gruppo di giocatori molto determinati e motivati, e tornare alle glorie recenti per il calcio martinese, che conta 18 campionati in serie C. L’allenatore Ciraci ha tra le sue mani un’organico di tutto rispetto, tra i più forti della categoria potendo contare su elementi che hanno giocato in categorie superiori. Non è facile trovare punti deboli, il 4-4-2 col quale si schierano gli itriani è molto compatto e redditizio nella sua manovra: una difesa solida capitanata dal portiere Muscato e dai difensori Camassa, Memolla e Melis; un centrocampo molto tecnico nel quale spiccano il fantasista De Tommaso (4 realizzazioni, miglior marcatore), Hurtado e il navigato Foschini; un attacco ben assortito con l’ariete De Rosa e il guizzante Salzano, per non parlare di Giardino. Una corazzata difficile da fermare al momento, superata la fase di assestamento che ha prodotto due sconfitte nelle prime tre giornate con Tricase e Locorotondo, poi sono stati ottenuti 21 punti dei 24 totali. Mancheranno per squalifica contro i gialloazzurri l’ex di “Campioni”, Salzano e il terzino Melis. Il Cerignola dal canto suo, non si presenta allo scontro sotto i migliori auspici, per vari motivi. E’ ancora viva la rabbia e la delusione per quanto accaduto con il Racale, in più qualche problema di formazione da risolvere con la massima ponderazione. Sarà emergenza soprattutto in difesa: Leuci fermato dal giudice sportivo (ci sarà Gervasio tra i pali) così come Tarantino e Zitolo; Lasalandra in dubbio poiché acciaccato, ma dovrà far di tutto per esserci visto che mancherà anche Trovato. Matera al suo fianco al centro della retroguardia (ma su entrambi pesa la diffida), negli altri reparti fiducia a coloro che hanno giocato domenica scorsa, confidando in una buona giornata di Piscopo o Giacco per bucare la quasi impenetrabile difesa del Martina. Le due squadre si incontreranno dopo dieci anni, con calcio d’inizio alle 14,30. Per la seconda settimana consecutiva e stato chiamato a dirigere un arbitro fuori regione: stavolta sarà Celentano di Torre Annunziata. La dirigenza sta quasi toccando ferro, augurandosi che non si ripetano i grossolani errori visti al “Monterisi” sei giorni fa. Oltre a Martina-Audace, fari puntati sulla sfida tra seconde Copertino-Bisceglie, mentre il Vieste va a Manduria.

Macrolibrarsi.it presenta la collana: Gli Allenamente di BIS