Il Comune di Cerignola ha indetto un Bando pubblico per la concessione di contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione relativi al 2009 ai conduttori di immobili adibiti ad uso abitativo. Possono beneficiare dei contributi i titolari di un contratto di locazione di natura non transitoria (ovvero anche di natura transitoria purché il contratto riporti la dicitura “redatto ai sensi dell’art. 2 del Decreto Ministeriale  n. 10774 del 30.12.2002”) per abitazione principale, regolarmente registrato,  in possesso dei requisiti soggettivi e reddituali di seguito indicati. Nell’apposito modello occorre dichiarare di:

a)    essere residente a Cerignola;

b)    essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione Europea ovvero, nel caso di cittadini extracomunitari, essere residente da almeno dieci anni nel territorio nazionale ovvero da almeno cinque anni nella regione;

c)    essere titolare di un contratto di locazione ad uso abitativo, regolarmente registrato, riferito all’anno 2009 o frazione di esso;

d)    essere in regola con il pagamento della tassa di registrazione relativa all’anno 2009;

e)    essere in regola con il pagamento del canone di locazione per l’anno 2009;

f)     non essere titolare, dalla data del 01/01/2009, di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio, ubicato nel territorio nazionale, adeguato alle esigenze del nucleo familiare a norma della lett. C) art. 2 della L.R. n. 54/84. Tale requisito deve essere posseduto da ciascun componente del nucleo familiare;

g)    non essere titolare unitamente al proprio nucleo familiare, alla data del 01/01/2009, dell’assegnazione in proprietà immediata o futura, di alloggio realizzato con contributi pubblici;

h)    non aver richiesto, in sede di dichiarazione dei redditi, la detrazione dei redditi d’imposta prevista per gli inquilini di immobili adibiti ad abitazione principale con contratto stipulato ai sensi della L. 431/1998;

i)     non essere assegnatari o comunque occupanti alloggi di Edilizia residenziale pubblica.

Questi sono invece i requisiti reddituali:

j) Reddito annuo del nucleo familiare rientrante entro i valori di seguito elencati:

–           Fascia a): Reddito annuo imponibile riferito all’intero    nucleo familiare, conseguito nell’anno 2009, non      superiore ad € 11.901.76, rispetto al quale l’incidenza             del canone da pagare non sia inferiore al 14%, il        contributo da assegnare, in questo caso, non potrà       essere superiore ad € 3.098,74 ;

–           Fascia b):Reddito annuo del nucleo familiare, conseguito        nell’anno 2009, non superiore all’importo di €          14.000,00, da calcolarsi ai sensi dell’art. 21 della          legge 457/78, rispetto al quale l’incidenza del canone         di locazione non sia inferiore al 24% (il reddito   complessivo del nucleo familiare è diminuito di € 516,46       per ogni figlio a carico; qualora alla formazione del       reddito complessivo concorrano redditi da lavoro          dipendente, questi dopo la predetta detrazione sono    calcolati nella misura del 60%). Il contributo da    assegnare, in questo caso, non potrà essere superiore ad      € 2.324,06.

Per la determinazione del reddito di ogni componente del nucleo familiare dovranno essere utilizzati:

per il modello CUD 2010 il quadro 1 – Dati fiscali;

per il modello 730/2010 il rigo 6;

per il modello Unico 2010 il rigo RN1 del quadro RN.

Vanno inoltre computati gli emolumenti, indennità, pensioni, sussidi, a qualsiasi titolo percepiti, ivi compresi quelli esentasse, percepiti nell’anno 2009.

Si precisa che:per i nuclei familiari che includono ultrasessantacinquenni o disabili (con grado di invalidità superiore al 74%), il contributo può essere aumentato fino ad un massimo del 25% o in alternativa, in relazione al possesso dei requisiti per beneficiare dei contributi, i limiti di reddito indicati alla lettera c) possono essere aumentati fino ad un massimo del 25%;

–  gli alloggi condotti in locazione devono avere caratteri tipologici comparabili a quelli di E.R.P. non rientranti nelle categorie catastali A1-A8-A9, e/o non rientranti in zone di pregio;

–  per eventuali periodi di locazione inferiori all’anno o per pagamenti parziali del canone, il contributo da assegnare sarà rapportato al numero di mesi considerati per i quali è stato effettivamente pagato il canone di locazione.

La domanda di partecipazione deve essere compilata, pena l’esclusione, su apposito modulo disponibile presso l’Ufficio Relazioni con il Pubblico e sul sito web del Comune all’indirizzo http://www.comune.cerignola.fg.it, e potrà essere inviata a mezzo posta tramite raccomandata A/R indirizzata al Comune di Cerignola Settore Servizi Sociali – Piazza della Repubblica 1 – 71042 Cerignola,  o consegnata a mano presso il Comune di Cerignola – Ufficio Protocollo entro e non oltre il 3 dicembre 2010. Alla domanda devono essere allegati: copia del contratto di locazione; ricevuta del versamento della tassa di registrazione relativa all’anno 2009; fotocopia di un valido documento d’identità del dichiarante; eventuale certificazione AUSL attestante il grado di invalidità permanente; per i cittadini extracomunitari, autocertificazione attestante la residenza continuativa nella Regione Puglia da almeno cinque anni ovvero in Italia da almeno dieci anni.

 

CONDIVIDI