Passano tutti e tre i Piani di Lottizzazione F3 nell’ultima seduta del Consiglio comunale di Cerignola, tenutasi ieri a Palazzo di Città. L’ Assemblea ha approvato quello di via Fra Daniele (lottizzazione Cs) che prevede la realizzazione di locali commerciali di vicinato sia al piano terra che al  primo piano. Il secondo Piano Fr riguarda invece la lottizzazione Germani Morra-Sea Costruzioni, in viale Russia-via Mestre, dove troveranno spazio locali commerciali e uffici di interesse generale. Il terzo Piano F3 è quello di via Gentile (lottizzazione Murgolo-Centra), dove saranno costruiti uffici di interesse generale e locali commerciali. “Il successo dell’Amministrazione – afferma l’Assessore all’Urbanistica Francesco De Cosmo – sta nell’aver soddisfatto un diritto dei lottizzanti che da anni era stato penalizzato, ma soprattutto nell’aver dato impulso, attraverso queste lottizzazioni a quella crescita economica necessaria per lo sviluppo della nostra città. Il tutto, infatti, si tramuterà in opportunità di lavoro non solo per le imprese che realizzeranno le lottizzazioni ma anche e soprattutto per gli addetti ad un settore come quello edile, che negli ultimi anni le amministrazioni comunali hanno fortemente penalizzato”. Ai tre piani Fr approvati ieri si aggiunge quello di via Candela (lottizzazione Marinaro); che prevede la realizzazione di un centro commerciale più una sala cinematografica ed un albergo. “Ci auguriamo – afferma il Sindaco Antonio Giannatempo – che ci centri commerciali previsti diventino non solo un punto di riferimento per i cittadini cerignolani, ma anche una risorsa per i centri del circondario. Avendo sbloccato queste quattro lottizzazioni, sicuramente si sono create le premesse politiche ed economiche per poter avviare e portare a compimento altre lottizzazioni su zone F3 presenti nel nostro territorio. Ciò ci consentirebbe di creare nuovi posti di lavoro e, conseguentemente, dicreare un clima di maggiore fiducia a livello economico e sociale” De Cosmo ci tiene a rimarcare che “i rapporti tra lottizzanti ed Amministrazione comunale vengono regolati in un’apposita convenzione, che prevede obblighi e oneri per il lottizzante ed anche la possibilità di revoca del permesso di costruzione, qualora il lottizzante non dovesse mantenere gli impegni assunti.. L’Amministrazione, pertanto, si riserva, in fase di collaudo, di verificare l’esatta corrispondenza tra quanto autorizzato e quanto effettivamente realizzato”. “Per questo – conclude Giannatempo – ci auguriamo che i lottizzanti abbiano la capacità economica di poter fare quanto richiesto, anche perché solo realizzando gli investimenti proposti porteranno sicuramente a compimento quelle opere di urbanizzazione primaria e secondaria che, in difetto, andrebbero sicuramente eseguite dal Comune”. E’ stato un Consiglio comunale alquanto proficuo, quello cominciato ieri alle 10 e terminato alle 23.30, durante il quale sono state discusse varie mozioni e interrogazioni riguardanti la Sia, la delocalizzazione degli uffici della Asl, il concorso per l’assunzione dei vigili urbani e il censimento agricolo.

CONDIVIDI