Esordio casalingo positivo per l’ASD UDAS SCEAP CERIGNOLA nel campionato di promozione maschile girone A di basket anche se, nonostante sia stata costantemente in vantaggio, ha rischiato nel finale di buttare via la partita. Probabilmente la tensione della prima partita in casa ha giocato un brutto scherzo ad alcuni giocatori dell’Udas che hanno sbagliato molto  con percentuali di tiro basse cercando troppo spesso soluzioni di gioco periferiche e trascurando le finalizzazioni  dentro l’ area. In ogni caso la partita è stata abbastanza equilibrata e le squadre andavano all’intervallo lungo sul parziale 31 a 25. Nella seconda parte della gara il Barletta più volte si è fatta sotto ma la regia lucida e la freddezza nella scelta dei tiri di Ruggero Capurso ( alla fine 20 pt. e 4 triple per lui) portavano l’Udas ancora in vantaggio all’ultimo quarto. Un ultimo quarto palpitante vedeva le due squadre arrivare agli ultimi minuti punto a punto con i bianco – azzurri cerignolani che mettevano in campo le ultime energie con una difesa aggressiva sui portatori di palla avversari recuperando palloni importanti e dando ossigeno al gioco e al folto pubblico presente presso il PalaBasket Nando di Leo.

L’ ultimo minuto di gioco ha riservato emozioni forti. A 40 secondi dalla fine Capurso piazza la tripla che sembra dover chiudere la partita ( 57 a 54) ma la Virtus non molla e replica immediatamente col la tripla di Mascolo. Sul capovolgimento di fronte Ricco serve sull’ottimo taglio sotto di Disalvo che riceve fallo. Due tiri dalla lunetta decisivi..Di salvo ne mette uno e la palla torna alla Virtus che ha l’ultimo possesso. Alla fine i due ultimi tentativi del Barletta vengono sputati fuori dal cerchio consegnando la vittoria comunque meritata ai ragazzi di coach Saracino che a fine gara dichiara ” Abbiamo sbagliato molto, non sono queste le nostre percentuali di tiro e nemmeno il nostro gioco. Comunque era importante non farsi beffare alla fine dopo aver condotto la gara dall’inizio alla fine ed i ragazzi ci hanno messo l’anima soprattutto in difesa – e poi parla delle due prossime partite – Si ma non dobbiamo dimenticare chi siamo e da dove veniamo. Siamo una squadra che è nata l’anno scorso facendo la prima divisione e sebbene abbiamo inserito qualche giocatore importante siamo comunque una matricola che deve crescere , maturare e sviluppare il senso del gruppo. Abbiamo tante difficoltà da affrontare e superare. Purtroppo per vari motivi, personali, di lavoro e di famiglia ci possiamo allenare poco tutti insieme, comunque ora ci godiamo la vittoria contro una squadra ostica, completa in tutti i reparti e nonostante la loro giovane età già abbastanza esperta, e da domani pensiamo alla difficile trasferta di Manfredonia – poi conclude con una dedica speciale – Insieme al Presidente Digiorgio abbiamo pensato di dedicare la nostra prima vittoria in casa al prof. Tommasicchio, presente tra il pubblico, figura storica del basket di Cerignola e che 40 anni fa fondò l’ HELIOS portando il basket che conta nella città di Cerignola e diffondendo valori umani e sportivi di cui ci sentiamo eredi.”

CONDIVIDI
  • i love this game

    E questi da dove escono?????Ho visto la partita non sono affatto male. Qualcuno può dirmi qualcosa chi cè dietro?