Da tempo minacciava una ragazza di cui si era infatuata e il suo fidanzato accusandolo di avergli rubato la ragazza. Ennesimo caso di stalking a Cerignola dove i carabinieri hanno arrestato una ragazza di 26 anni con l’accusa di atti persecutori: la ragazza ha ottenuto i domiciliari. Secondo quanto denunciato dalla vittima, di 30 anni, da tempo l’arrestata le aveva fatto capire delle sue particolari attenzioni: la ragazza però le aveva sempre risposto che tra loro poteva esserci soltanto dell’amicizia. Una gelosia, quella dell’arrestata, diventata morbosa quando la trentenne si è fidanzata. Da allora per la coppia è stato impossibile vivere tanto che i due fidanzati sono stati costretti a cambiare le loro abitudini. L’amata non corrisposta, inoltre, in più di una occasione ha aggredito non solo verbalmente il fidanzato della vittima. Ad ottobre i due si trovavano alla stazione ferroviaria di Bari e lì, sono stati raggiunti dall’arrestata, che ha colpito con calci e pugni il ragazzo. Inoltre molto spesso la 26enne inviava sms di minacce alla ragazza, minacciando anche il suo fidanzato. Questo fino a ieri quando dopo le indagini i carabinieri hanno arrestato la donna innamorata ma non corrisposta. Emetteva fatture inesistenti e per questo deve scontare un mese di carcere. Un 55enne, di Cerignola, Giuseppe Russo, è stato raggiunto da un ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia – Ufficio Esecuzioni Penali ed eseguito dagli agenti del locale commissariato di polizia, che hanno dato i domiciliari al fermato. (da teleblu-daunia news)

CONDIVIDI
  • Gino panino

    Ragazzi qualche segno di punteggiatura alle volte aiuta a rendere più facile la lettura! (grazie cmq per quello che fate tutti i giorni)