Documento alquanto forte e duro quello pervenuto oggi in redazione dal Consigliere Metta. Riportiamo di seguito il comunicato.

“SILENZIO: SI RAPINA! Ho atteso. Ho aspettato alcuni giorni per dare il tempo al Sindaco e ai nostri Amministratori di reagire; di aprir bocca; di fare “voci” ( direbbe Camilleri). Ma niente: silenzio assoluto. Silenzio: si rapina….è il caso di commentare. Un commando di malviventi ha assaltato in pieno giorno ed in pieno centro cittadino un istituto di credito. Quello diretto dal nostro assessore Stefano Palladino. Bloccato il traffico della principale arteria cittadina. Sfondata la vetrina corazzata. Con una audacia e una certezza di impunità che fanno tremare i polsi. Un brivido di insicurezza nella schiena di tutti noi. Capiamoci bene. Il Sindaco non sventa le rapine,né cattura i malviventi. E nemmeno previene gli atti delinquenziali. Ma un Sindaco, dopo che è accaduto un fatto così grave,si fa sentire. Chiede udienza al Prefetto,al Questore, ai vertici dell’Arma e segnala la situazione di gravissimo pericolo per la sicurezza cittadina. Protesta e chiede interventi,provvedimenti, rinforzi. Insomma si fa interprete del malcontento di tutta la cittadinanza. Non si tratta di mettere sotto accusa le Forze dell’Ordine. FANNO TANTO,FORSE PIU’ DI QUELLO CHE UMANAMENTE E’ LECITO LORO CHIEDERE! Si tratta di porre, ai vertici delle istituzioni che devono garantire la  sicurezza pubblica,il problema di una città di quasi sessantamila abitanti,che  si sente abbandonata a se stessa, poco protetta;affatto protetta. Mi rendo conto benissimo che le esigenze sono tante,i mezzi e gli uomini scarsi. Ma se abbiamo davanti una coperta corta,non credo sia illecito o inopportuno tirarla un po’ dalla nostra parte. Chiedere,alzare di un tono la voce,protestare. In fin dei conti al Ministero degli Interni ci sono gli amici di partito del  Sindaco: un pezzettino d’orecchio potrebbero prestarlo agli appelli del rappresentante istituzionale della città. E chissà,forse, qualche intervento straordinario si potrebbe anche ottenere. Giannatempo – invece – tace ! E in centro città,dopo la Posta,sventrano la banca e chissà cosa ci possiamo aspettare per il futuro. Ma le lottizzazioni care alla maggioranza le hanno approvate. In fin dei conti era questo che contava: altro che Interporto,Sanità,occupazione,cultura. Giannatempo tace. Silenzio: si rapina! In centro città e altrove……………..”

  • ciccio

    Hai ragione