Sarà il Maruggio, matricola assoluta in Eccellenza, ad opporsi all’Audace Cerignola nel quindicesimo turno di campionato. La formazione della cittadina tarantina, appena 5 mila abitanti, è entrata nella “premier league” regionale grazie al ripescaggio di quest’estate, proponendosi come piacevole novità fino ad un mese e mezzo fa, quando ha inanellato una serie di cinque sconfitte consecutive. Ora i maruggesi stazionano nella zona playout, con 12 punti in classifica, 11 gol fatti e 21 subiti. L’obiettivo è ovviamente conservare la categoria, certamente non facile da raggiungere vista la rapidità con la quale è stata allestita la rosa. Il giocatore più rappresentativo agli ordini di mister Cimino è indubbiamente Pietro Parente, 39enne centrocampista con anni di militanza in serie A (Bari, Reggiana, Ancona) e in B. A lui si aggiungono tra i più interessanti il portiere Signorile, il mediano e capitano Arcadio, i tornanti Cotroneo e Cimino, l’attaccante Crupi. Quest’ultimo non giocherà perché squalificato, e ciò darà molti grattacapi all’allenatore gialloazzurro, dal momento che il centravanti è stato tra i più presenti nel tabellino marcatori, pur nella esiguità delle reti realizzate. Per il Cerignola un impegno che, guardando la classifica e i risultati delle ultime giornate, si potrebbe caratterizzare per la non esagerata complessità. Tuttavia, gli avversari di domani hanno tenuto testa alla capolista Martina (riuscita a prevalere nei minuti di recupero), al Monopoli, al Racale (3-3 in casa), offrendo buone prestazioni. Il fatto poi che il Maruggio abbia raccolto solo due punti in trasferta e non segni da cinque gare, coincise con le sconfitte come detto, sono elementi da considerare attentamente per non sottovalutare l’incontro. Di Corato dovrà sostituire Giuseppe Grieco, appiedato dal giudice sportivo: uno dei più positivi finora nella stagione degli ofantini. Probabilmente al suo posto Conte, ma non si escludono sorprese, se il trainer locale appronterà un undici d’attacco inserendo Patruno, ad esempio. Dovrebbe essere indisponibile nuovamente Giacco, con l’attacco ancora una volta affidato a Gigi Lasalandra e Piscopo. Terminato il ciclo terribile, sei partite molto intense e difficili che hanno portato in dote 10 punti (buon risultato, i gialloblu restano in zona spareggi), bisogna capitalizzare al massimo un calendario fortemente casalingo: quattro partite delle prossime cinque da giocare al “Monterisi”. Una già disputata contro il Copertino, un pareggio sul quale si sono avuti dei piccoli rimpianti per la sfortuna avuta e il terzo rigore di fila fallito. Non sappiamo quali strascichi abbia avuto questa “x” nella mentalità del gruppo, ma il Maruggio concede sempre qualcosa, prova ne sia l’unica volta (vittoria col Manfredonia) nella quale non hanno subito reti; anche una vittoria di misura, senza strafare, sarebbe ben accetta. Un occasione da cogliere al volo, la società ci crede e, invitando quanti più possibile allo stadio, ha stabilito prezzi speciali dei biglietti da 12 a 16 anni (3 euro) mentre resta a 7 euro il tagliando intero. Arbitrerà il sig.Calvaruso di Casarano, calcio d’inizio alle 14,30.

CONDIVIDI