“Abbiamo il dovere di riconoscere i meriti spettanti a quei dipendenti comunali che, per vari motivi, svolgono un lavoro doppio rispetto a quanto dovrebbero fare”. Enzo Pece, Assessore al Personale, ha incontrato dirigenti, dipendenti comunali e le loro rappresentanze sindacali, che hanno evidenziato i gravi problemi con cui si deve fare i conti ogni giorni nell’espletamento dei propri compiti. Problemi causati soprattutto dalle carenze d’organico: “La pianta organica del Comune dovrebbe essere composta da 275 dipendenti comunali – spiega Pece – adesso, invece, possiamo contare soltanto su 132 unità. Se consideriamo che entro fine anno andranno in pensione dieci persone e che non potremo procedere, per i motivi ben noti, a nuove assunzioni, è facile rendersi conto di quale è la situazione”. Ma ciò non impedisce a Pece di affermare che “l’Amministrazione farà tutto quanto è possibile per  assicurare ai dipendenti comunali non soltanto migliori condizioni lavorative. E anche se la situazione  finanziaria del Comune non è idilliaca, dobbiamo impegnarci per riconoscere quanto dovuto ai diretti interessati, a partire dal pagamento degli arretrati”.

CONDIVIDI