In Capitanata oltre 2 mila persone si sono recate ai gazebo di Futuro e Libertà per l’Italia a firmare il “MANIFESTO PER L’ITALIA”, appello agli italiani per risvegliare ideali e valori fondanti della nostra cultura, in vista del 150° anniversario dell’unità d’Italia, promosso e sottoscritto da GIANFRANCO FINI. La mobilitazione promossa dai circoli di Generazione Italia della Provincia di Foggia ha visto la politica ritornare, dopo tanto tempo, nelle piazze e tra la gente. Oltre alle 400 firme registrate nel capoluogo, nella giornate di sabato e domenica, da rilevare l’importante dato conseguito a Cerignola, che si conferma una delle città più finiane di Puglia, dove i cittadini che hanno aderito al Manifesto di Fini sono stati 726. Bene anche San Severo, Ortanova, Sannicandro, Torremaggiore, Stornarella, Mattinata e Lucera. “Non è un caso afferma Fabrizio Tatarella, Coordinatore provinciale di FLI che i risultati migliori giungano da Foggia, Cerignola Ortanova, San Severo, città che, tra le prime, diedero alla destra italiana i Sindaci espressione del buon governo nelle amministrazioni locali. Dopo lo svuotamento dei colonnelli romani, illusi di essere detentori di pacchetti di voti che invece la gente ha sempre tributato a Fini, la stessa cosa inizia a verificarsi in Puglia. Continuiamo conclude Tatarella a rivolgerci più agli elettori che ai singoli eletti e in tanti hanno capito che la vecchia politica dei signori delle tessere e delle preferenze clientelari è definitivamente tramontata. Assistiamo, come l’ennesimo bagno di folla pugliese di Fini a Lecce o, per restare in Capitanata, l’entusiasmo che ha accolto Fabio Granata a Lucera sabato dimostrano, ad una nuova fase di partecipazione della gente comune alla vita politica.”

  • io non esulterei troppo. Duemila persone per 61 comuni, significa 32 a paese. Un viatico per entrare in un consiglio… di classe

  • ahahah

    barbareschi a Cerignola!!! ahahahahhaahh

  • pepero

    2000 x persone fli nn le avrà in tt la puglia!! tatarè avvasc ca venn!!

  • pepero

    che o venè a fe a crgnol la riedizione d “c’eravamo tanto amati”?