Nemmeno il tempo di gioire per aver raggiunto la testa della classifica, e già si torna in campo per la quarta giornata di ritorno del campionato di Eccellenza. Per l’Audace Cerignola derby in trasferta a Lucera, contro la penultima della classe. Non inganni quello che può essere inteso come un testacoda, né significa vittoria certa ricordare che in tre confronti stagionali, Coppa Italia compresa, i gialloblu abbiano ottenuto il filotto di successi. La compagine sveva è ben diversa da qualche tempo, è reduce da sei punti consecutivi e dimostra adesso carattere e rabbia agonistica per uscire dalla zona retrocessione nella quale è confinata. Un cammino molto stentato con l’ex allenatore Mancàno, la prima gioia ottenuta solo alla 12ma con il Fasano; poi, a metà novembre, a sostituire l’ex tecnico del Foggia è ingaggiato Torre, uno definito come sergente di ferro. I primi risultati sono arrivati, ed ora gli svevi sono in piena lotta salvezza, avendo accorciato le distanze dalle squadre che li precedono. Nuovi giocatori hanno rinforzato un organico giovane e acerbo, portando sia esperienza sia qualità, con una impronta sudamericana: il centrocampista brasiliano Minari; gli avanti argentini Gutierrez ed Escobar (ultimo acquisto dal Tricase); il difensore Bonanno e il centrocampista Papa. Nonostante i poco invidiabili primati di attacco meno prolifico (14 gol segnati) e seconda difesa più bucata (33 reti al passivo), i lucerini sono vivi più che mai, pronti a vendere cara la pelle. Tra gli ofantini, come ovvio, vige un entusiasmo contagioso e giustificato: è da notare che in nove giornate, dallo scontro diretto perso a Martina del 31 ottobre, l’Audace è riuscita a rimontare nove lunghezze sui tarantini. Chiuse dal presidente Dinisi le polemiche innescate dall’omologo D’Alesio del Terlizzi, la formazione locale deve tener alta la concentrazione, entrando nella giusta mentalità di quella battaglia sportiva da disputare domani. Per ciò che riguarda la formazione, Giacco scontato il turno di stop certamente riguadagnerà il posto da titolare; più incerta la situazione negli altri ruoli, con un piccolo turnover sempre in agguato quando ci sono impegni ravvicinati. Pugliese dovrebbe avere ancora una volta la fiducia di Di Corato, mentre non si esclude la conferma di Spartà come esterno basso a destra ed è previsto in campo Riontino che sconterà più avanti la squalifica. I tifosi contano di seguire in massa i loro beniamini a Lucera, per una sfida che si preannuncia giocata con una cornice di pubblico da categoria superiore; la società biancoceleste ha chiamato a raccolta i suoi sostenitori, organizzando il Lucera day, per star vicino ed incitare l’undici del massimo dirigente Pitta. La partita (ore 14.30) sarà diretta dall’arbitro Ayroldi di Molfetta. Tra le altre gare della 21ma, massima attenzione al derby Fasano-Martina, con trasferta vietata per i tifosi ospiti: il torneo entra nella sua fase decisiva.