Si chiamava Biagio Riontino, il 51 enne di Zapponeta morto ieri dopo aver contratto il virus H1N1, la cosiddetta influenza A. L’uomo era ricoverato a Bari nella clinica privata “Santa Maria” ed era affetto da diabete. Prima del ricovero nel capoluogo regionale, Riontino, di ritorno da un viaggio in pullman a Parigi, aveva accusato dei malori. Era stato ricoverato presso l’Unità operativa di cardiologia dell’ospedale di Manfredonia alle ore 20 del 4 gennaio con riferita febbre, dispnea, astenia, dolori muscolari e articolari e toracici. Per il sopraggiungere di complicanze respiratorie con addensamento polmonare bilaterale e positività degli esami di laboratorio per danno cardiaco, Riontino veniva trasferito alle ore 23.40 del 5 gennaio presso l’Unità operativa di rianimazione dell’ospedale di Cerignola; l’ecocardiogramma eseguito durante il ricovero evidenziava un’ipocinesia massiva. Per il sospetto di infarto del miocardio, il segretario del Pd di Zapponeta (molto impegnato nel mondo del volontariato e dello sport) veniva trasferito il 6 gennaio presso l’Unità operativa di terapia intensiva cardiovascolare della Casa di cura “Santa Maria” di Bari. La coronarografia eseguita all’accettazione non evidenziava anomalie del circolo coronarico. Il 7 gennaio veniva inoltre eseguito un tampone naso-faringeo per la ricerca di A/H1N1v. Poi il quadro clinico è precipitto e Riontino è deceduto. (fonte Daunia News)