Fermare gli aumenti, diminuire i sinistri e le truffe ed evitare la chiusura delle Agenzie: questi gli obiettivi comuni individuati dallo SNA (Sindacato Nazionale Agenti di Assicurazione) Confcommercio e dalle Associazioni dei Consumatori con la petizione popolare presentata questa mattina in una conferenza stampa congiunta svoltasi presso la sede della Confcommercio a Foggia. Alla presentazione alla stampa, oltre al presidente SNA Foggia, Emilio Gaeta, e all’avv. Bruno Maizzi del Movimento Consumatori in rappresentanza di tutte le sigle dei Consumatori aderenti all’iniziata (Unione Nazionale Consumatori, Movimento dei Consumatori, Lega Consumatori, Federconsumatori, Cittadinanza Attiva, Casa del Consumatore, Casa del Consumatore, Adoc, Adiconsum, ACU, Movimento Difesa del Cittadino) è intervenuto anche il presidente regionale di Confcommercio, Matteo Biancofiore. Nonostante la liberalizzazione tariffaria, dalla quale si attendeva maggior concorrenza, le polizze Auto, un obbligo di legge, dal 1994 sono aumentate del 173%. A questo si aggiunge che la mancanza di un efficace sistema di contrasto alle frodi assicurative contribuisce a favorire fenomeni di elusione e che il 60-70% della raccolta assicurativa italiana, si trova nelle mani di 6-7 Gruppi assicurativi, creando un ostacolo alla concorrenza e al processo di innovazione. Per questa ragione Agenti di Assicurazione e Consumatori con la raccolta di firme chiedono:
• di contrastare l’aumento smisurato delle tariffe R.C.Auto, costituendo un Comitato Nazionale contro le frodi assicurative, con la massima partecipazione della Magistratura, dell’Isvap, delle Forze di polizia, dell’Ania, della rappresentanza degli Agenti di Assicurazione e dei Consumatori;
• di contrastare la politica delle Compagnie di abbandono del territorio, con la chiusura delle Agenzie e dei centri di liquidazione, veri baluardi a difesa dei consumatori;
• di ridurre gli adempimenti burocratici, allo scopo di migliorare la tutela del consumatore;
• di consentire una piena liberalizzazione del mercato assicurativo italiano, favorendo anche l’ingresso di altre Compagnie assicurative estere, con aumento della qualità e quantità della offerta.

Il Presidente regionale di Confcommercio, Matteo Biancofiore nel suo intervento ha posto l’accento su un fenomeno che, se interessa tutta l’Italia, nelle regioni meridionali registra livelli preoccupanti. “Si tratta di una situazione che tutti insieme dobbiamo contrastare perché: drena risorse economiche alle famiglie, fa perdere posti di lavoro, si insinua nel tessuto sociale aumentando fenomeni di illegalità diffusa quando non proprio di criminalità”. “L’obiettivo della giornata di oggi è, nell’ambito di una iniziativa nazionale, porre all’attenzione generale la particolarità del caso Foggia. Come SNA – ha sottolineato Emilio Gaeta – vogliamo raggiungere complessivamente 500mila firme. Pensiamo che la nostra provincia debba fare sentire con forza la propria e per questo già da domani sarà possibile sottoscrivere la petizione in tutte le agenzie e le sedi delle associazioni dei consumatori del territorio”.
Per Maizzi in rappresentanza di tutte le sigle dei consumatori “è importante accanto a questa iniziativa prevedere azioni che diano risposte immediate ai cittadini. Per questo il comitato delle Associazioni dei Consumatori provvederà ad investire del problema tutte le istituzioni e gli organi preposti. Le compagnia possono e devono fare di più per non danneggiare i propri clienti corretti e impegnarsi a stanare quelli meno virtuosi”. (da teleblu)