Franco Metta

Dopo il Consiglio Comunale era più che prevedibile una riflessione scritta firmata Franco Metta. Di seguito il testo integrale.

Intervenendo in Consiglio Comunale sullo “scottante” caso Mandrone,il Sindaco Giannatempo ha segnalato rischi per il prestigio della istituzione comunale!!! Ma……..secondo il Primo Cittadino ( aiuto………!) il prestigio della istituzione “COMUNE” è posto a serio rischio dalle autovetture delle forze dell’ordine che,quandoper ragioni di ufficio – si debbono recare in Comune,sono autorizzate a sostare nello spiazzo – marciapiede antistante il palazzo comunale”. Dunque,l’immagine del Comune di  Cerignola è a rischio per la condotta irresponsabile
NON DEL COMANDANTE MANDRONE MA DEL MARESCIALLO GIACCOLI!!! E poiché il nostro Primo Cittadino (…………aiuto…………..) è inflessibile tutore del prestigio dell’amministrazione comunale contro tutti e tutto,ha annunciato,sempre nel corso del Consiglio Comunale di ieri, che presto sarà emessa da “egli medesimo sindaco”,una ordinanza con la quale sarà vietato alle forze dell’ordine di parcheggiare le auto di servizio sul marciapiede antistante l’ingresso del Comune. Visibilmente commosso da tanta energica iniziativa l’assessore alla sicurezza Reddavide ha rischiato la lussazione delle vertebre cervicali,causa l’energia con la quale scuoteva il capo in segno di assenso. Chi ha assistito al Consiglio Comunale di ieri sera 18 gennaio sa bene che non sto inventando nulla. Intervenendo sul concorso per l’assunzione dei Vigili Urbani,a fronte di

-un bando discutibile nei suoi contenuti;

-una prova pratica( guida della motocicletta) svolta in modalità “ridolini”;

-identici codici a barre applicati ad elaborati diversi;

– inammissibile presenza in qualità di “controllori” di persone non qualificate e non identificate;

-ipotesi di manomissioni di elaborati e relativi codici identificativi;

-di quantomeno inopportuni rapporti personali ed affettivi tra Commissari ed esaminande;

-di irresponsabili dichiarazioni pubbliche del Comandante dei Vigili Urbani;

-di feroci attacchi al proprio dirigente da parte di un assessore della Giunta Comunale;

-di perplessità forti del capogruppo di uno dei due partiti di maggioranza;

il Sindaco ha smentito le accuse di passività e permissività,annunciando seri e drastici provvedimenti

CONTRO I CARABINIERI DELLA STAZIONE DI CERIGNOLA ! Sembra uno scherzo,ma non lo è! E’ esattamente quanto è successo ieri in Consiglio Comunale. Abbiamo un Sindaco così! Indifferente al fatto che la Autorità Giudiziaria sequestri presso l’istituzione comune TUTTI GLI ATTI CONCORSUALI; restio ad assumere qualsivoglia iniziativa nei confronti di chi – per l’ennesima volta – ha esposto al pubblico ludibrio il Comune di Cerignola; incrollabilmente deciso a mettere al loro posto gli uomini delle Forze dell’Ordine,impegnati nello svolgimento di attività istituzionali e di indagine,in quanto colpevoli di parcheggio ILLEGALE dei mezzi di istituto. Tutto da ridere,se non ci fosse da piangere.

9 COMMENTI

  1. il sindaco dimentica che se le forze dell’ordine hanno un mandato possono parcheggiare le volanti anche sotto casa sua

  2. ma il sindaco nota tutte le macchine parcheggiate sui marciapiedi soprattutto il sabato sera, soprattutto nei dintorni della ormai famigerata piazza del mercadante? ce ne sarebbere di effrazioni al codice della strada da condannare!

  3. bhe ma quelle macchine mica vanno al comune a sequestrare le carte del concorso……..

  4. Mandrone gli fa paura, non si spiega altrimenti l’atteggiamento del Sindaco e dell’intera maggioranza. Per quale incomprensibile motivo Giannatempo non revoca l’incarico al comandante? Che c’entra ciò che accadrà sul piano strettamente giudiziario con l’aspetto politico e morale della situazione?
    Pece, assessore di Giannatempo, insieme vittime di Mandrone, che scrive cose pesanti contro il comandante, ma che una posizione netta e decisa non la prende; Reddavide, l’unico ; Mansi, che cerca, con tutti i suoi limiti, di giustificare l’intervento di Reddavide, suo capo gruppo, che ha finalmente avuto il coraggio di uscire allo scoperto e urlare forti accuse nei confronti di Mandrone, della politica silente e dei dirigenti arroganti, ecc…………Ma cosa andate facendo, la gente si chiede cosa state combinando, perchè continuate a prendere in giro i vostri elettori, perchè siete falsi e arroganti, perchè vi sentite sempre e comunque nel giusto, qualsiasi cosa accada. Vi state rendendo conto che, per demerito vostro, perdete consensi giorno per giorno? Quanto potrà durare ancora questa pagliacciata?

  5. Pece scrive contro l’amministrazione di cui fa parte…ma se è coerente, perchè non chiede le dimissioni? è lui l’assessore al personale o la sua immagine nello specchio? con ruocco e i ruocchiani non parla oltretutto. poi giannatempo, cui dò atto di essere ottimo animale politico, perchè se lo tiene in giunta nonostante tutto? eppure Pece non fa parte del PDL anzi sarà suo avversario alle prox regionali. secondo me tra poco avremo un altro assessore al personale. chi vuole scommettere un caffè? non si capisce più niente. siamo al capolinea.

Comments are closed.