Tiene banco, anche nel Consiglio Comunale, la questione Mandrone. Questa volta è stato il Sindaco a introdurre l’argomento, nelle comunicazioni all’Ordine del Giorno, evidenziando una prima differenza tra l’uomo e il comandante. «La magistratura ha acquisito gli atti e quindi dovremo attendere il responso. Prima di tale risposta, esistono solo degli indagati e nessun colpevole». Con queste parole avvia, e in un certo qual modo chiosa, Giannatempo il disorso sul concorso dei Vigili Urbani, ricordando che non si mette in discussione l’uomo, anche perché non è nostro compito farlo, ma ci si interroga sulla sua professionalità. «Qualsiasi provvediamento da parte nostra sarebbe inutile e ingiusto in questo momento» conclude. Aggiunge, lo stesso, anche un altro passaggio interessante sul nuovo incarico affidato a Mandrone per l’assunzione di alcuni Vigili Urbani che saranno pagati dai proventi delle multe. Il primo cittadino ribadisce la necessità per Cerignola di incrementare il corpo dei Vigili: «attualmente abbiamo solo 36 Vigili effettivi, a fronte di circa 108 previsti per la nostra popolazione. Dobbiamo al più presto assumere, in attesa che si concludano anche le indagini sul concorso per l’assunzione a tempo indeterminato». Queste parole hanno scatenato i pareri e le considerazioni dei capigruppo di maggioranza e di opposizione.

Metta, sostiene che questa amministrazione deve assolutamente prendere provvedimenti, al di la delle indagini poiché, visti i tempi lunghi della magistratura, si rischia di far attendere ancora molti anni la popolazione cerignolana. «Questo non possiamo permettercelo», conclude il cicognino, «e vi do un consiglio: ricordate quello che è successo in passato e tenetelo ben in mente. Non ripetiamo gli stessi errori…a buon intenditor poche parole!».

Interviene anche Ruocco (MpT), il quale pone l’accento su una sua proposta, in attesa dei risultati della Procura: l’istituzione di una commissione d’inchiesta per far luce, quanto meno, sulle modalità adottate nel concorso. «Io di concorsi ne ho fatti parecchi, e non ho mai visto un pubblico concorso dove i codici a barre sono incollati sui fogli e non stampati. Così è semplice far nascere, almeno, dei dubbi sullo svolgimento di tale concorso. Magari, se si fosse portato tale proposta in commissione, prima di approvarla e di dare mandato alla società che ha gestito la banca dati del concorso, qualcuno (tipo io) avrebbe potuto far notare tale questione».

Interessante, e a tratti sorprendente, l’intervento di Reddavide (UdC), il quale non risparmia assolutamente il comandante, ribadendo quanto rilasciato alla stampa nei giorni scorsi e chiedendo ufficialmente al Sindaco di non aspettare oltre e di non affidare più alcun incarico a Mandrone. «Tutti siamo attaccabili nella nostra vita privata, ma ora Mandrone ha esagerato. Non è tollerabile il suo comportamento e questa amministrazione non può più commettere l’errore di affidare compiti tanto importanti e delicati a Mandrone. Chiedo le dimissioni del Comandante e faccio appello al Sindaco».

Tutto questo scatenato non dalla discussione di una mozione, ma semplicemente dalle parole del Sindaco il quale intendeva, evidentemente, chiarire la questione Mandrone. I capigruppo hanno inteso esprimere il loro pensiero a nome dei gruppi rappresentati, e sembravano essere tutti, o quasi, concordi sulla incapacità di Mandrone nella gestione del concorso. Staremo a vedere cosa succederà nelle prossime settimane, anche se sembra, ai più, che ci siano ancora molti lati oscuri in questa vicenda.

Vito Balzano

13 COMMENTI

  1. Giannatempo tiri fuori le….Pece lo ha fatto anche se sulle pagine di un giornale di cui è direttore(anche se ora sarbbe il caso di chiedere ufficialmente le dimissioni del personaggio come Assessore al Personale!!)
    Il sindaco Deve rimuovere mandrone dal suo incarico.

  2. che poi questi nuovi vigili che sono stati assunti, dove sono? al mercato(incrocio del bagatto) sta sempre il bordello.
    questa situazione di stallo non fa bene alla citta’.
    l’amministrazione deve parlare e dire apertamente se dare ancora fiducia ad un comandante che ormai ha perso le redini oppure dare l’incarico ad un altro.
    cerignola dal punto di vista della sicurezza e della situazione del traffico non puo’ attendere.

  3. Sorprendente l’intervento di Reddavide ma deludente perchè solo….Mansi accomodante,tace Moccia e Curiello Fa per TRE.Questi sono i giovani del U.D. C.?

  4. il migliore e’ stato luca reddavide che ha mantenuto le sue posizioni.
    gli altri so’ tutta paglia.

  5. Sicuro non il vigile urbano e non il rilevatore del censimento agricolo.
    Mari ti assicuro non sono un mettiano e mi pento di aver votato il dottore.

  6. non credo che stia aspettando il posto. non credo sia così ingenuo. se è come afferma anonimo, penso si stia esponendo troppo. sarà difficile dargli il posto. più facile darlo a chi lavora dietro le quinte. se è come dico io, sarebbe meglio darsi un pò da fare anche perchè il lavoro non ti viene a cercare.

  7. veniamo a noi:
    punto 1. pece dovrebbe RICORDARE che l’eventuale condanna deve essere proclamata dal magistrato, non da un giornale, tantomento dal suo. come dicono i cinesi, il silenzio è d’oro.
    punto 2. giannatempo fa bene ad essere garantista ma sono troppe volte che si schiaccia le mani in mezzo alla porta
    punto 3. e sppost? non dec nint? mmmmm mi sa che….. semplicemente ridicolo….
    punto 4. non conosco mandrone e non lo voglio conoscere. non lo difendo ma non lo condanno se il giudice non si pronuncia.

  8. anonimo penso che anche tu non fai niente sono le 1:30 anche se in campagna elettorale maggio dichiarava di essere un bracciante agricolo e ci credo.

  9. bhe nn faccio nulla perche’ in questo periodo non ci sta da fare nulla…….quando c’e’ da lavorare lavoro, mo fa freddo e se permettete ho lavorato tanti anni al freddo.
    anonimo mica sono del pdl io che mi faccio il culo per avere in cambio il posto?
    chi dentro il nostro movimento cercava qualcosa in cambio o pensava di guadagnare e’ stata pian piano allontanato.

Comments are closed.