Furto al depuratore di Cerignola. Ignoti si sono introdotti durante la notte del 28 gennaio nell’impianto asportando le linee elettriche provocando gravi danni ai quadri principali.
Il furto ha causato il fermo totale del depuratore che al momento non è in grado di svolgere il servizio di depurazione delle acque. I tecnici, intervenuti tempestivamente sul posto prevedono che l’impianto tornerà a funzionare regolarmente entro le prossime 48 ore, salvo ulteriori imprevisti tecnici.
Sono decine i furti e gli atti vandalici perpetrati nei confronti di Acquedotto Pugliese nell’ultimo anno. I danni complessivi subiti al momento ammontano a circa 1milione di euro, a cui si aggiungono quelli ambientali. (fonte Daunianews)

1 COMMENTO

Comments are closed.