Sospese alle ore 20:30 le ricerche delle due gemelline Alessia e Livia. La cronistoria della fase conclusiva delle indagini ed il video con le dichiarazioni dei responsabili dell’unità cinofila.

Ore 18.53: gli uomini della Protezione Civile tornano da una perlustrazione effettuata a 2 km di distanza dalla stazione in direzione Nord. Nessun ritrovamento o comunque nessuna traccia delle due gemelline e di un loro eventuale passaggio.

Ore 19.21: gli uomini della protezione Civile bloccano il piazzale antistante la stazione: è in arrivo il cane molecolare di razza Bloodhound , quello per intenderci utilizzato anche nel caso della scomparsa di Yara Gambirasio a Brembate, in provincia di Bergamo. La scelta di interdire la zona, ci spiegano, «è dovuta alla necessità di permettere al segugio di rintracciare con più facilità qualsiasi odore o traccia»  Il cane, ricordiamo è detto “molecolare” proprio perché capace d’individuare la “molecola dell’odore” anche a distanza di 9 giorni dalla presenza o dal passaggio del soggetto interessato.

Ore 19:48: al cane vengono fatte annusare una federa ed un lenzuolo arrivate al Commissariato di Cerignola in busta sigillata direttamente dalla Svizzera. Dopo circa 30 minuti d’ispezione la perlustrazione di Piergiorgio (questo il nome del segugio) da esito negativo. Nessuna traccia delle gemelline. Improvvisamente gli inquirenti decidono di recarsi nelle adiacenze del pozzo già perlustrato l’altra sera, accompagnati ovviamente dall’unità cinofila.

Ore 20:15. Piergiorgio compie lo stesso percorso effettuato dagli altri cani il giorno precedente. Ricordiamo che qui, nelle adiacenze del pozzo sarebbe transitato Matthias Schepp. Dopo 20 minuti di perlustrazione il responso è nuovamente negativo. «Qui Alessia e Livia non sono passate»- ci dice l’addestratore personale del Bloodhound (in basso il video in esclusiva, girato a ridosso della conclusione delle ricerche, con le dichiarazioni dei due responsabili del Soccorso Alpino – Unità cinofila). Domattina intanto alle ore 9:00 vertice in commissariato per decidere la strada da intraprendere per le ulteriori indagini.

Stefano Campese

CONDIVIDI