Aggiornamento ore 15.00 Le indagini per ritrovare Alessia e Livia continuano, con ulteriori particolari che aggiungono ulteriore mistero all’intera vicenda. Dopo le affermazioni della titolare del Bar Fiore, in Corso Scuola Agraria, gli inquirenti stanno interrogando la signora Scelsi per accertarsi se effettivamente il suo racconto corrisponda a verità. Intanto, sono state acquisite le immagini delle telecamere a circuito chiuso dell’esercizio e una che riprende l’esterno del bar ma al momento non hanno dato esito. Tuttavia saranno riviste per definire ulteriormente se Schepp con le bambine sia transitato in zona. Ad ogni modo, la signora Scelsi afferma di essere certa di aver visto i tre fornendo particolari sull’abbigliamento e asserendo di aver accompagnato una delle sorelline alla toilette, e che l’ingegnere svizzero andasse piuttosto di fretta perchè dovevano recarsi alla stazione. E’ stato nuovamente ispezionato ieri sera un pozzo già visitato in precedenza, segnalato dalle unità cinofile: con un sommozzatore che ha scandagliato il fondo senza risultati. Le ricerche nei pressi dello scalo ferroviario continuano ancora. Intanto, il capo della squadra mobile di Foggia, Fabbrocini, si è recato in Svizzera, a Losanna, per coordinare le indagini con la polizia elvetica. Questa mattina, alcuni gendarmi hanno raggiunto e perquisito l’abitazione di Matthias Schepp portando alcuni reperti da esaminare. Si è anche scavato nel giardino adiacente ma al momento non si conoscono quali riscontri si sono avuti. Il procuratore di Marsiglia conferma che i tre erano presenti a bordo del traghetto diretto per la Corsica, mostrandosi pessimista sulla sorte delle piccole, ma finchè non c’è certezza di ritrovamenti eventuali bisogna avere ancora speranza. Più tardi nuovi aggiornamenti sulla vicenda.

CONDIVIDI