Franco Metta

Ci è giunta in redazione una nota dell’avv.Franco Metta, consigliere comunale de La Cicogna, in merito al Cercat, la struttura inaugurata sabato scorso a Cerignola. Felicitandosi per il carattere e l’importanza della struttura (punto di riferimento nel Meridione per le disabilità), Metta scrive una lettera aperta all’assessore regionale Elena Gentile. Nella missiva, l’avvocato spiega alcuni passaggi relativi all’edificio e alla sua realizzazione alquanto “sospetti”, secondo il suo parere, informando di tutto ciò proprio l’assessore Gentile. Di seguito il documento completo.

LETTERA APERTA ALL’ASSESSORE GENTILE
Assessore Illustre,nessun dubbio: Le rendo merito per la realizzazione del CERCAT qui a Cerignola; come cittadino e come amministratore di questa Città La ringrazio. L’avrei fatto personalmente,se qualcuno avesse il buon gusto di invitare alle manifestazioni istituzionali il Movimento Politico che presiedo….. Ma questa è un’altra storia ……. Mentre Lei e noi,nel nostro piccolo,ci occupiamo della disabilità,qualcuno, su questa, specula. Il Palazzo del Volontariato,a Torricelli,è stato realizzato dalla ditta Cadinvest,vincitrice dell’appalto. Base d’asta 1.254.002,02. Ribasso offerto dalla Cadinvest – si tenga forte,dottoressa – lo 0,006%. Cioè su un milioneduecentocinquantaquattro mila euro, UN RIBASSO DI 72,98 euro,manco 73!!! All’epoca,perdoni l’autocitazione,non c’era “La Cicogna” a sorvegliare su questi singolari appalti. La Cadinvest ultimò i lavori in data 28 gennaio 2008,giusto verbale sottoscritto il 15 febbraio 2008. Nella notte tra il 27 e il 28 aprile il Palazzo del Volontariato,non sorvegliato,né dalla Cadinvest né dalla Amministrazione Comunale,subì ingenti danni da atti vandalici. Nessun tipo di accertamento fu svolto sulla responsabilità per omessa vigilanza! E siamo ai giorni nostri. Con il supporto della ESCOP(Cooperativa Sociale Europea) e grazie al Suo fattivo interessamento fu ottenuto il finanziamento regionale per realizzare il CERCAT,da collocare all’interno della struttura “Palazzo del Volontariato”. Ottimo! Da questo momento,però,cominciano le stranezze. A lavori completati e a manufatto consegnato al Comune ( altrimenti i guasti degli atti vandalici sarebbero ricaduti,come onere di riparazione sulla Cadinvest),il 29 novembre 2010 viene approvata una perizia di variante per il completamento del Palazzo al fine di ospitare il CERCAT. Importo della perizia,ancora attualmente all’esame dello IACP, 70.000 euro. Non basta. Il 22 novembre l’Amministrazione Comunale chiede ed ottiene dalla Regione l’autorizzazione a predisporre una seconda perizia di variante per l’importo di ulteriori 400.000 euro. Per realizzare,cito testualmente dalla delibera della Giunta Comunale,la viabilità di accesso al Palazzo del Volontariato. Prima questione poco chiara: le perizie di variante si fanno in corso d’opera. Come mai,a lavori finiti e consegnati, per l’esecuzione di questa tranche ulteriore di lavori non è stato indetto un nuovo appalto? Avendo la Cadinvest esaurito,nientemeno che nel 2008,il proprio compito; essendo già stato approvato un bando per assegnare i locali del palazzo alle varie Associazioni;come mai si predispongono due perizie,i cui lavori sono da eseguire dalla sempiterna,immarcescibile,inevitabile Cadinvest? Secondo rilievo( ma credo che ormai Lei abbia già intuito dove andrò a parare). A prescindere dalla allocazione nel palazzo del CERCAT,questo benedetto Centro di quartiere non doveva essere già dotato di viabilità di accesso? Se non si fosse allocato lì il Cercat,al Palazzo del Volontariato si sarebbe arrivati a mezzo……….paracadute……? Ma – si dirà – il CERCAT è destinato ai disabili,quindi bisognava adeguare accessi e viabilità agli utenti diversamente abili. Capisce bene che questa è una solenne sciocchezza! IL PALAZZO DEL VOLONTARIATO AVREBBE DOVUTO ESSERE GIA’ IN PARTENZA DOTATO DI ACCESSI E DI VIABILITA’ IDONEA AD ESSERE USUFRUITA DAI DIVERSAMENTE ABILI. CREDO LO PREVEDA LA LEGGE! Il Cercat è,a mio parere,divenuto un pretesto per una elargizione di ulteriori 470.000 euro! Cattivo uso del denaro pubblico. E non finisce qui.
Il 13 gennaio scorso la Direzione Lavori comunica: “ per l’effettivo utilizzo della struttura” si rende indispensabile la realizzazione di alcune opere che determinino ulteriori possibilità di accesso alla struttura…..in particolare l’adeguamento della rampa di accesso per i disabili,il parcheggio antistante il Centro,il piazzale retrostante per l’accesso dei veicoli dei disabili,necessario per le attività del CERCAT…..” “opere queste non prevedibili in sede di progettazione originaria,in quanto la destinazione a CERCAT è stata stabilita dalla Amministrazione Comunale con successive determinazioni”. Dunque,Assessore,il Palazzo del Volontariato diviene accessibile ai disabili perché ci mettiamo il Cercat: e prima,nel progetto originario,questo non era previsto? Possibile? Lecito Credibile? La mia opinione? Il Cercat è un pretesto bello e buono per mungere altro denaro! Rampa,accessi,viabilità e parcheggi non potevano non essere già previsti e già compresi nei lavori appaltati. A meno di credere che si sia appaltato il Palazzo del Volontariato senza accessi per i disabili,senza strade per arrivarci e senza parcheggi per sostare. La vuole una conferma,signora Gentile ? Sa quali sono – cito sempre dalla delibera comunale – le opere “non previste e non prevedibili in fase di progettazione iniziale”? Legga qua,dalla delibera comunale: – Rampa di accesso per disabili e piazzale di accesso ai veicoli per disabili. Le ho già detto: dovevano essere previsti già nel progetto iniziale;che razza di progetto è stato approvato,se no? – Marciapiedi con cordoni in pietra e pavimentazione in mattoni. Ma come? Se non fosse stato allocato lì il Cercat i marciapiedi non si facevano? – Viabilità perimetrale e zona spartitraffico. Se non c’era il Cercat che facevamo? Non si arrivava al palazzo e,una volta arrivati,si rimaneva lì in esilio a tempo indefinito ? – Pubblica illuminazione sul piazzale esterno e aree perimetrali. Meno male,altrimenti……..buio pesto……… – Completamento della rete di fogna bianca. In origine,evidentemente,prevista INCOMPLETA…… Dottoressa, la cosa ancora più strana! Nella perizia di variante si prevedono ESPROPRI per 70.000 euro! Espropri? C’è da espropriare ancora,perché nel palazzo del Volontariato ci va il CERCAT? Assurdo! E di chi sono i terreni da espropriare? Su indovini…….. Questa perizia,approvata dalla Giunta Comunale con l’atto n.17 del 20\1\2011 ( e che velocità…….) è ora all’esame della Commissione Tecnica dello IACP di Foggia. Alla quale Commissione io invierò questa lettera aperta,perché la verifica si effettui con la dovuta attenzione e tenendo conto delle osservazioni che ho mosso. Perché ho scritto a Lei? Perché,essendo merito Suo se il Cercat è stato allocato a Cerignola,ho ritenuto che Le fosse utile sapere che,in occasione di una attività così nobile, potrebbe essersi innestato un meccanismo di bieca speculazione a favore dei soliti noti. Le chiedo: darebbe una mano a PRETENDERE risposte chiare e tranquillizzanti sui temi che ho posto? Sarebbe utile,sa Dottoressa,utilissimo. Per evitare che,mentre qualcuno fa di tutto per migliorare questa città(il CERCAT sicuramente la migliora),altri trovino in questi sforzi l’occasione per mungere denaro pubblico. In maniera non del tutto chiara. Grazie.
P.S. Nel caso Ella fosse già stata informata su questa delibera dal gruppo consiliare del PD,può anche non tenere in conto quanto Le segnalo. Ma…….non credo…………..dottoressa……..non credo proprio………..
Cerignola,9 febbraio.
FRANCO METTA
CONSIGLIERE COMUNALE
M.P. LA CICOGNA.
COPIA PER CONOSCENZA.
ALLA COMMISSIONE TECNICA DELL’ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI FOGGIA.

CONDIVIDI
  • patrizio maggio

    P.S. Nel caso Ella fosse già stata informata su questa delibera dal gruppo consiliare del PD,può anche non tenere in conto quanto Le segnalo. Ma…….non credo…………..dottoressa……..non credo proprio………..

    vabbhe’ ma quelli dormono a sonno pieno……..

  • Soul

    Dietro ogni cosa in Italia c’è un “inghippo” ma non per questo dobbiamo necessariamente criticare, proviamo a difendere il buono

  • patrizio maggio

    infatti il “buono” non e’ stato criticato anzi e’ stato elogiato…..

  • Carlo Marx

    Infatti…

  • carla bozzola

    Avrei gradito che invece delle allusioni sul chi c’è dietro a queste speculazioni, si facessero nomi e cognomi di chi ancora una volta, in maniera fraudolenta, tenta di appropriarsi di soldi pubblici

  • patrizio maggio

    CARLA CADINVEST E’ NOTA COMESOCIETA’.
    CMQ TRA QUALCHE GIORNO SU LACICOGNA.TV USCIRA’ UN QUALCOSINA DI INTERESSANTE.

  • FUORI FLI dalla giunta

    Agli amici del sito voglio chiedere di deicare un articolo alla anomalia FLI in maggioranza a cerignola. che ne pensate voi?
    FUORI FLI

  • Pingback: Metta: “Lei pronta? Noi prontissimi!”. Lettera aperta a Elena Gentile (seconda puntata) | lanotiziaweb.it()