Pezzi del navigatore satellitare di Matthias Schepp, il suicida morto a Cerignola, sono stati trovati nel pomeriggio di ieri 14 febbraio lungo i binari della stazione, nei pressi del luogo dove l’uomo si è ucciso. Il navigatore invece è stato trovato su un binario morto sotto alcune sterpaglie. Sono state trovate poi anche le chiavi dell’automobile dell’ingegnere svizzero. Secondo indiscrezioni dell’ultimora il navigatore è inutilizzabile e non potrà fornire indicazioni utili peer la ricostruzione del viaggio di Schepp da Sant- Sulpice a Cerignola Campagna.

Intanto sempre ieri, alle 18,00, il corpo di Schepp è partito su un furgone alla volta della Svizzera. I dettagli dei funerali non sono ancora stati resi noti. Alla partenza della salma non c’erano né parenti, né amici né fiori.

Il mistero resta dunque irrisolto e le ricerche, sia in Corsica che a Cerignola, proseguono.