Il Sindaco, Antonio Giannatempo, ha emanato un’ordinanza che dispone la messa in sicurezza di tutti i pozzi e i vasconi presenti nel territorio comunale attraverso la messa in opera di adeguate protezioni rigide, come idonee recinzioni, chiusure con serrature o lucchetti, in maniera da salvaguardare l’ incolumità pubblica e privata.. I proprietari di pozzi e vasconi sono pertanto invitati a provvedere in tal senso entro e non oltre 60 giorni dall’ordinanza. Chiunque non ottemperi alla stessa è punibile con le sanzioni previste dalla legge. Il primo cittadino ha adottato questo provvedimento anche in seguito a una nota dello scorso 7 febbraio del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco, che constatava, “durante le operazioni di ricerca delle due gemelline svizzere, l’assenza di un’adeguata protezione alla quasi totalità dei pozzi rurali circostanti la stazione ferroviaria di Cerignola Campagna”, e in considerazione della vasta estensione dell’agro di Cerignola, che rende oltremodo difficoltosa l’individuazione di tutti i soggetti proprietari delle aree sulle quali insistono pozzi e vasconi di accumulo di acque piovane. L’ordinanza è stata trasmessa alla Prefettura di Foggia, al Commissariato di Pubblica Sicurezza, al Comando Stazione dei Carabinieri di Cerignola, al Comando della Tenenza della Guardia di Finanza di Cerignola, al Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato, al Comando della Polizia Municipale di Cerignola, alla Asl Fg- Servizio Igiene Pubblica di Cerignola e al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.

CONDIVIDI