Elena Gentile, assessore al welfare regione puglia, e Franco Metta, presidente MP La Cicogna
Elena Gentile, assessore al welfare regione puglia, e Franco Metta, presidente MP La Cicogna

Ancora parole a mezzo stampa tra Franco Metta ed Elena Gentile. Questa volta è l’avvocato a scrivere all’assessore al Welfare per avere chiarimenti circa l’istituzione del Registro Tumori Regionale. Di seguito le parole di Franco Metta.

Assessore Gentile,
alla fine di Gennaio scorso, tutti i consiglieri comunali del M.P. LA CICOGNA hanno chiesto chiarimenti al Governatore Vendola circa l’istituzione del Registro Tumori Regionale.
Ritengo superfluo spiegarLe nel dettaglio di cosa sto parlando, ben consapevole della sua competenza in materia.
Di contro, reputo utile evidenziare che l’istituzione del suddetto documento sanitario veniva decisa dal cosiddetto Piano Regionale della Salute per il triennio 2008/2010, di cui alla legge regionale n. 23/2008, approvato dal consiglio regionale il 19 settembre dello stesso anno.
Dalle notizie in mio possesso, non mi risulta che sia stato impiantato alcun registro e, se non ho lavorato inutilmente per oltre 30 anni, ciò configura tra l’altro una chiara violazione di legge.
Ma le garantisco che non voglio farne una questione di natura giuridica nel caso di specie.
Ciò che mi preme maggiormente è capire l’orientamento del nostro
Governatore su temi prevalenti come la salvaguardia ambientale e sanitaria della regione Puglia e dei suoi abitanti.
Il documento, come Lei certamente saprà, è di fondamentale importanza per predisporre programmi e strategie di politica ambientale e sanitaria più opportuni e mirati.
In considerazione della delicatezza e al tempo stesso rilevanza della materia, ho buone ragioni di credere che ci si debba adoperare in modo sinergico e condiviso quando è in gioco il benessere delle persone, nel
senso più ampio del termine, al di là dei “colori” e delle ideologie partitiche, ove ancora ci fossero.
Nella ferma convinzione che Lei sia animata da eguali principi morali, Le chiedo una efficace intercessione presso il Governatore Vendola affinchè si conoscano lo stato dei lavori e gli obiettivi futuri circa la problematica in essere.
Resto sereno al pensiero che Lei saprà dare un costruttivo seguito alla mia richiesta, nell’interesse dei miei e suoi concittadini oltre che di tutti i pugliesi.
Cerignola, 28 febbraio 2011
Franco Metta