Riceviamo e pubblichiamo una nota giunta in redazione di Sel, che per bocca del suo segretario cittadino, Giuseppe Schiavone, interpella l’assessore alla Sicurezza, Franco Reddavide. Nel testo, Schiavone chiede come mai, dopo alcune dichiarazioni rese in estate, la riattivazione dei semafori tarda ad avvenire, con conseguenti problemi di traffico ed inquinamento non solo atmosferico. Di seguito il documento completo.

“Prendono il via domani i lavori di sistemazione e ripristino degli impianti semaforici in via Borsellino, via Melfi, via Ausiliatrice e via dei Mille. Un intervento considerato non più differibile dal nuovo assessore alla Sicurezza, Franco Reddavide: <<La riattivazione dei semafori – afferma – consentirà di disciplinare più efficacemente il traffico e creare condizioni di maggiore sicurezza per gli automobilisti e i pedoni>>  COMUNICATO STAMPA COMUNE DI CERIGNOLA 03\06\2010

Sono le parole dell’Assessore alla sicurezza di Cerignola Reddavide diffuse tramite l’ufficio stampa del Comune di Cerignola in data 03\06\2010. Parole che smentivano il precedente atto del commissario Prefettizio dott. Di Bari che con comunicato del 29 Dicembre 2009 rendeva nota la “disattivazione di alcuni impianti semaforici al fine di poter avviare delle modifiche del piano traffico”  e contestualmente di aver “formulato indirizzi ai dirigenti preposti affinché venissero presentate proposte di intervento efficaci per il miglioramento del traffico”. Sono trascorsi 8 mesi dalle parole si Reddavide e tutto tace, nulla è cambiato, i semafori cittadini sono spenti. Gli impianti semaforici di via Melfi, via Manfredonia, via dei Mille, via Borsellino,via Trinitapoli sono spenti, incroci che ogni giorno sono interessati da un notevole transito di automobili e mezzi pesanti sono lasciati nell’”anarchia automobilistica” più totale. Unico supersite di questa “moria” dei semafori  e l’impianto presente su via Ausiliatrice che ad oggi risulta funzionante. «Il mancato funzionamento degli impianti semaforici – afferma Schiavone – causa ingorghi e conseguenti lamentele da parte dei cittadini residenti in prossimità di tali snodi stradali sommersi dal frastuono dei veicoli che cercano di autogestirsi. La disciplina e la sicurezza per i pedoni e gli automobilisti sbandierata dall’Assessore Reddavide dov’è? ». A mesi di distanza chiediamo al Sindaco di prendere urgentemente provvedimenti per ristabilire “sicurezza e disciplina”  promesse ai cittadini dall’Assessore cittadino alla Sicurezza.

 

CONDIVIDI
  • Lionetti Antonio

    La duratura disattivazione degli impianti semaforici della città è stata oggetto di interrogazione da parte del MP LA CICOGNA, a fine anno scorso.
    Ad oggi non si è ancora affrontata la disdicevole e pericolosa situazione.
    Ci auguriamo che nel prossimo consiglio comunale si possa trattare questo grave problema per giungere presto alla sua risoluzione.

    • ammiratore

      PREGO CONVOGLIARE LE ATTENZIONI DEI NOSTRI ESIMI CONSIGLIERI – ASSESSORI – DIRIGENTI POLITICI E NON – SUL FATTO CHE:
      1) LA MATTINA, IL MEZZODI’, ANCHE DURANTE I RIENTRI POMERIDIANI, LA ZONA DEI PLESSI SCOLASTICI TRA VIALE DIVITTORIO, VIA DEI MILLE ED IL CORSO E’ INVASA DA CENTINAIA DI AUTO (TUTTE A NORMA EURO 12) CHE RENDONO L’ARIA IRRESPIRABILE PER CHI GIA’ FUMA 20 SIGARETTE AL GIORNO, FIGURIAMOCI PER I POVERI PICCOLI COSTRETTI DALLA LEGGE ALLA FREQUENZA, AD INALARE QUELLO CHE VIENE FUORI DAI TUBI DI SCAPPAMENTO. QUELLO CHE INTRISTISCE E’ SAPERE CHE GLI ALTRI PLESSI SUBISCONO LE STESSE SITUAZIONI;
      2) INVECE CHE ARROVELLARSI SUI SEMAFORI SI’ SEMAFORI NO’ PERCHè NON FORMARE UNA ZONA PEDONALE TEMPORIZZATA IN PROSSIMITà DELLE SCUOLE? RIDURREBBE IL TRAFFICO, SI RISPARMIEREBBERO VIGILI URBANI (POTREBBERO BACCHETTARE QUALCHE FURBETTO INTANTO) SI RENDEREBBE L’ARIA RESPIRABILE;
      3) MA LE STAZIONI RILEVAMENTO QUALITA’ DELL’ARIA A CERIGNOLA LE AVETE MAI VISTE???????
      4) CONTINUATE A PARLARE DI SEMAFORI NON VOLEVO DISTURBARE PERO’ NON OFFENDETEVI SE VI ETICHETTO – POPULISTI-