Problema che “viene a galla” (è il caso di dirlo) ogni qual volta si verificano piogge prolungate nella nostra città è il deflusso delle acque piovane. Cerignola si allaga e per diversi motivi. Principalmente il fenomeno è imputabile ad una “fogna bianca” non più all’altezza dello sviluppo urbanistico che la città ha subito. Nonostante i lavori effettuati alcuni punti della città continuano ad allagarsi.

Proprio oggi appare sul web un video de “lacicognatv” che denuncia tale fatto, mostrando le immagini di via Santuario M. SS. di Ripalta e della Scuola Media Paolillo.

E al video segue un comunicato stampa del MP la Cicogna in cui Antonio Lionetti interroga Santoro. “Le chiedo Assessore se ha in programma di farsi un giro su via Santuario Madonna di Ripalta possibilmente quando piove e rigorosamente a piedi, così da provare lo stesso disagio che provano i residenti e i nostri figli quando escono da scuola”.

E il problema “acqua” non interessa solo quella zona. Che sia la siccità la soluzione a tale problema?

3 COMMENTI

  1. Il problema non e’ tanto la fogna bianca, quando il riempimento abusivo di tutte le cunette sulle strade di campagna, ad opera dei frontisti, che fa confluire l’acqua dalla campagna alla citta’.
    Quanto al traffico, occorrerebbe una ordinanza del sindaco per impedire il passaggio e la sosta delle auto all’ora di uscita ed entrata dei ragazzi e la costituzione di un’associazione di pensionati volontari ai quali affidare il servizio dinanzi alle scuole. iniziative non facili, ma nemmeno impossibili, se avessimo qualcuno disposto ad occuparsene.

  2. caro onorevole…..e si vede che in campagna elettorale ha appoggiato le persone sbagliate.

  3. caro onorevole ma è mai possibile che non si possa risolvere il problema ma è molto grave una cosa del genere che gli amministratori non si interessano e poi i vigili dove sono alle uscite delle scuole?

Comments are closed.