Un’interessante serata di letteratura per scoprire la parte meno conosciuta di Giuseppe Di Vittorio,le 300 lettere spedita da uomini,donne e bambini di ogni ceto sociale, raccolte da Myriam Bergamaschi che le ha messe in questo volume presentato ieri presso la sede dell’Associazione Casa di Vittorio a Cerignola (all’ex Palazzo Carmelo). Il titolo “Caro Papà Di Vittorio” è tratto proprio dalla lettera di un bambino che scrisse al leader dei lavoratori,ringraziandolo per ciò che faceva per loro. “Nel racconto di queste lettere – ci ha detto l’autrice ai nostri microfoni – è racchuisa la parte meno conosciuta del padre dei lavoratori; dava importanza a tutti, non solo cittadini comuni ma anche Carabinieri, Guradia della Finanaza, carcerati. Questo per farci ricordare che la lezione che ci diede è valida per tutti, anche oggi”. Una serata a tinte forti, presentata da Luca Anziani, responsabile dell’Associazione Casa di Vittorio che ha letto alcune lettere scritte da Di Vittorio, e moderata da Mirella Guercia, preside dell’Itis Righi di Cerignola che, parlando con noi, ci ha detto di essere stata onorata di moderare la serata, su richiesta della figlia di Peppino, Baldina di Vittorio. Hanno preso parte la Segretaria Generale della Cgil Foggia Mara De Felici, Michele Galante della Fondazione Foa di Foggia, ex sindaco di San Marco in Lamis che durante il suo intervento ha sottolineato l’importanza di questo volume, da leggere assolutamente, perché rappresenta  uno straordinario viaggio attraverso l’Italia, quella italia che Di Vittorio vedeva con i suoi occhi. Una significativa presenza di studenti dell’Itis ha seguito questo interessante evento, che fa capire come nella nostra città il ricordo del padre dei lavoratori sia vivissimo anche oggi. La serata si è poi conclusa con l’assegnazione della borsa di studio dell’anno accademico 2010-11,dell’Associazione organizzatrice, a Enrico Acciai per l’approfondito studio sul tema del volontariato antifascista nella guerra di Spagna. Il riconoscimento è stato dato direttamente dalla Vice presidente Silvia Berti.