Cesare Squitti della redazione di Chi l’ha visto ha incontrato una donna a Sanremo. Incontro motivato dal fatto che la donna sostiene di aver ascoltato una conversazione tra due uomini del sud, riguardante il caso delle gemelline scomparse. Per ovvi motivi, la donna ha preferito rimanere anonima. Ecco il racconto:

Seduti dietro di me, c’erano due signori sulla cinquantina, uno più corpulento dell’altro, con uno spiccato accento meridionale. Stavano appunto parlando del caso delle due gemelline. Hanno commentato il motivo per cui il padre si fosse suicidato dopo essersi fatto preparare dei documenti da un certo Professore. Hanno fatto intuire che questo Professore abitasse proprio nella zona limitrofa di Cerignola. Parlavano come fosse persona conosciuta da loro o, comunque sia, una persona nota. (fanpage)

I due uomini parlano di Cerignola, di documenti falsi e di un misterioso Professore. La cosa troverebbe delle parziali conferme nel fatto che il 17 gennaio scorso, Schepp con il suo pc ha studiato il percorso che, in auto, da Losanna lo avrebbe poi portato a Cerignola. Inoltre Irina Lucidi aveva raccontato che Matthias aveva fatto le fotocopie di tutti i documenti delle bambine, causa viaggio ai Caraibi, documenti che poi non sono stati più ritrovati.

Ma dalle parole dei due uomini vengono fuori nuovi particolari. Livia e Alessia Schepp, le due gemelline svizzere di cui non si ha più traccia dalla fine di gennaio, potrebbero essere state ‘spedite’ dal padre nelle Antille francesi, oppure in Canada. Infatti da fonti svizzere si apprende che

il padre si era recato a Cerignola da un certo ‘O professore’ per farsi falsificare dei documenti. Importante una frase pronunciata da uno dei due: “Ci sta che una possa avere un anno più dell’altra. Perché hanno qualche centimetro di differenza”. I due hanno parlato di Canada e Antille francesi facendo riferimento a Schepp. (tio.ch)

E sempre dalla svizzera giunge un nuovo particolare

I documenti, sempre secondo la testimone, sarebbero stati fatti preparare per le due bambine, per un uomo e una donna. (ticinonews.ch)

Quindi ci sarebbero anche un uomo e una donna a condire la vicenda di ulteriore mistero.