Pubblichiamo di seguito una nota dei quattro consiglieri del Pdl sulla questione Pece e sul grande polverone politico che la stessa ha prodotto in questi ultimi giorni. di seguito il documento completo.

Sinceramente non comprendiamo se qualcuno ci fa o ci è ! Improvvisamente si parla di “andare oltre il polo”, di porre in essere un’alleanza allargata al fine di sconfiggere la “Cerignola Rossa”. Un discorso ed una valutazione che non fa una piega se non fosse per il fatto che chi professa oggi dette intenzioni è proprio colui che ha fatto venir meno detti presupposti. Riteniamo che l’ostilità attuata dal segretario cittadino Futurista nei confronti del Pdl, poco si sposi con le Sue intenzioni.  Improvvisamente pacifiche di alleanza. Da che pulpito viene la predica! Dall’alto del loro “intelletto politico”, ci accusano di essere miopi nel momento in cui per primi criticano e sparano a zero su di un partito che oggi ritengono un potenziale alleato! L’assessore Pece entra in Giunta per grazia ricevuta, composta da uomini del Pdl e dell’Udc, Giunta a sua volta sostenuta da un gruppo di maggioranza formata da consiglieri e rappresentanti del Pdl e dell’Udc, e contemporaneamente silura quotidianamente chi dovrebbe sostenerlo! Qualcuno dovrebbe spiegarci: “cosa significa tenerlo parcheggiato in Giunta affinché non entri in Consiglio Comunale per evitare che faccia politica”? Lui, parlando di future alleanze oltre il polo, e per ciò dotato di vista politica da falco, perché dovrebbe essere un pericolo politico? Perché dovremmo temere la Sua azione politica in Consiglio se il Suo animo è dettato (ripetiamo, solo oggi!) da intenzioni pacifiche? In caso negativo dovrebbe fare i conti con la Sua coscienza politica e non solo. Il problema politico Pece, si pone fin dall’inizio e nel momento della sua nomina, con mal di pancia ben più forti di quelli dei sottoscritti! La promessa di non fare politica è andata in frantumi e lo stesso Sindaco, che tanto ci aveva rassicurati, se pur con ammirevoli sforzi, non è stato in grado di garantire. I futuristi propongono:  il ritiro di Pece dalla Giunta a condizionato o dalla chiamata in giunta di un consigliere del gruppo Pdl, oppure dalla fuoriuscita forzata del consigliere Pdl Onofrio Bombino, sulla base di una loro presunta incompatibilità! Il tutto solo ed esclusivamente per assicurare la poltrona in Consiglio Comunale al loro “soldato”. Ma il consigliere Onofrio Bombino, ammesso che sia incompatibile, non è dipendente della SIA da oltre cinque mesi? Perché mai si vuole sollevare questo problema soltanto oggi? Ci s’inventa di tutto pur di ottenere una poltrona o poltroncina che sia! Oggi dovremmo condizionare la nostra linea politico-amminiastrativa perché dettata e imposta dal neo-coordinatore futurista? Ma di cosa stiamo parlando? È uno scherzo? Meno male che eravamo noi gli incoerenti, i ricattatori e i portatori di interessi personali! I buoni propositi dei futuristi sono a dir poco pretestuosi  ed incoerenti ab origine, per questo non ci si può fidare! Ribadiamo, per l’ennesima volta, che questo è un problema politico, oggettivamente incontestabile, sollevato con coraggio e reso ancor più evidente da sconclusionate, veementi ed offensive esternazioni da parte di chi predica quasi bene e razzola malissimo. I tentativi beceri di chi tenta di svilire la nostra azione politica, buttandoci fango addosso insinuando  inesistenti pretese, lasciano il tempo che trovano. Non abbiamo chiesto nulla! Solo porre fine ad una anomalia politica grave. Anomalia  riconosciuta, oggi pubblicamente, dallo stesso Sindaco e da esponenti provinciali e comunali del partito.

Cerignola, 13 marzo 2011                                         I Consiglieri comunali Pdl del comune di Cerignola

Savino Laguardia, Nicola Netti,

Salvatore Morano, Gerardo Defeudis.

4 COMMENTI

  1. Certo, è anomala la presenza in Giunta di un componente del FLI altrettanto quanto oggi è anomala la richiesta di una maggior presenza in Giunta del componente dell’Unione di Centro, Mennuni, unico e solo rappresentante del partito di Casini.
    Da un lato si chiede l’uscita dall’esecutivo di Pece, dall’altra si prospetta l’ingresso in Giunta di Mennuni.
    Non si considera forse che Fini è contro Berlusconi tanto quanto Casini.
    Povero Giannatempo non farà in tempo a risolvere un problema che se ne presentaranno altri e altri e altri ancora.
    Questa è purtroppo la politica che ha impostato circa un anno fà e queste sono le conseguenze.
    Povera Cerignola.

    • Casini non è in maggioranza nel governo, ma lui stesso ha confermato prima delle elezioni e lo afferma ancora adesso di creare alleanze col pdl “caso per caso”. A cerignola è successo.
      L’anomalia è solo Fli
      Poi una domanda,
      ma com’è che sei così ignorante? Stando zitto o mettendo solo “mi piace” faresti una figura migliore!

  2. il Pdl si è arroviglato su se stesso. Pece da solo tiene in pugno amminstrazione. figuraccia dei 4 e del Sindaco che anche se volesse non potrebbe più toglòiere Pece x un fatto di dignità. e Fli che non eistste ha monopolizzato attenzione politica città.

  3. Caro Osservatore,
    Casini non è in maggioranza nel governo come non lo è Fini.
    Casini, inoltre, ha dichiarato, già da tempo, che l’UDC doveva togliere il proprio appoggio a tutte le amministrazioni governate dal PDL.
    A Cerignola invece, che fa storia a sè ormai in tutto e per tutto, abbiamo l’esponente dell’UDC che vorrebbe maggiore visibilità nell’esecutivo capeggiato dal PDL.
    Un’ultima cosa: è la seconda volta che, non sapendo far di meglio, ti lasci andare ad inutili e gratuite offese, sanza che al momento da parte mia ci sia stata una sola parola fuori luogo nei tui riguardi.
    Pensaci su.

Comments are closed.