Enorme partecipazione popolare alle celebrazioni per il 150esimo anniversario della nascita del nostro Paese. Notevole la presenza dei giovani. Il Sindaco Giannatempo: “Sono loro il motore ed il futuro della città”. E stasera a Palazzo di Città un convegno su “L’Italia Unita e il Federalismo”. I bambini che hanno cantato a più riprese l’Inno di Mameli, le bandiere italiane sventolanti, i tricolori esposti ai balconi e alle finestre.  E ancora l’atmosfera di religioso silenzio nella quale una tromba ha intonato “Il Silenzio” durante la deposizione di una corona di fiori davanti al busto di Giuseppe Garibaldi, e il Teatro Mercadante stracolmo per il “Concerto del Risorgimento”. Immagini che testimoniano come quella vissuta ieri a Cerignola sia stata una giornata di autentica gioia collettiva. Le manifestazioni organizzate dal Comune di Cerignola per le celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unità d’ Italia hanno fatto sì che quella che alla vigilia poteva apparire come una vuota ricorrenza si trasformasse in una vera e propria festa di popolo, contrassegnata da un entusiasmo contagioso. Al corteo partito ieri mattina da Piazza Giuseppe Tortora hanno preso parte, oltre alle autorità, numerose associazioni di volontariato, rappresentanze di tutte le formazioni politiche, gli alunni di tante scuole e moltissimi cittadini. In apertura della cerimonia, il presidente della Consulta Comunale per la Cultura, Franco Conte, ha ricordato le gesta di Giuseppe Tortora, il patriota cerignolano che ha dato un contributo importante nelle lotte risorgimentali per l’Unità d’Italia avvenute sul nostro territorio.  Di fronte alla lapide che lo ricorda è stata deposta una corona di fiori da parte dell’Amministrazione Comunale. Il corteo, accompagnato dalla Banda musicale cittadina e dagli Sbandieratori del Borgo Antico, si è mosso alla volta della Villa Comunale, dove è stata ricordata la figura di Giuseppe Garibaldi, per poi raggiungere il Parco della Mezzaluna, da ieri intitolato all’Unità d’Italia. Qui i ragazzi dei cori “Angel Chorus” e “Righi Musicali”, diretti dal maestro Raffaella Cardinale, hanno intonato ancora l’  Inno di Mameli, oltre al “Va’ Pensiero” di Verdi. Toccante il “Nessun Dorma” di Puccini interpretato dalla voce solista del coro. Don Agostino Di Vittorio, delegato dal Vescovo, Monsignor Felice di Molfetta – che non ha potuto presenziare per impegni presi precedentemente – ha benedetto il parco e la folla; subito dopo il Sindaco, Antonio Giannatempo, ha scoperto la targa che intitola il Parco all’Unità d’Italia. Significativo anche lo striscione esposto da alcuni bambini: “Tutti sotto la stessa bandiera”, così come l’esibizione di alcune giovanissime danzatrici della scuola “Tersicore”, che indossavano abiti richiamanti al tricolore. “Questa festa ha un’importanza fondamentale per Cerignola – ha detto Giannatempo – sono felice della presenza di tantissimi alunni delle nostre scuole e, più in generale di tanti ragazzi, perché sono loro il motore ed il futuro della città, in grado di regalarci nuove speranze”. Il primo cittadino aveva più volte rimarcato, nei giorni scorsi, il valore della festa dell’Unità d’Italia, sottolineando “il significato profondo del senso di appartenenza all’Italia e dello stare insieme riuniti sotto un’unica bandiera”. Ma le emozioni non sono finite nella mattinata, perché alle 19, nella Villa Comunale, c’è stata l’esibizione della Grande Orchestra di fiati Città di Conversano, diretta dal maestro Angelo Schirinzi, che ha poi sfilato per la città  in alta uniforme imperiale; prima della performance serale al Teatro Mercadante, che traboccava di gente per assistere al “Concerto del Risorgimento”. E le manifestazioni avranno un’interessante appendice stasera, nel convegno che si terrà alle 19 presso la Sala Consiliare del Palazzo di Città, sul tema “L’Italia Unita e il federalismo”, a cui prenderanno parte il senatore Nicola Latorre, vicepresidente del gruppo del Partito Democratico al Senato, e l’onorevole Nunzia De Girolamo del Pdl. A moderare l’incontro sarà il giornalista Natale Labia. L’incontro sarà allietato da un’esibizione del corso della Scuola Elementare “Marconi” di Cerignola.

3 COMMENTI

  1. Voglio complimentarmi con il responsabile della cultura, consigliere Casarella, per tutto quello che sta facendo per la cultura cerignolana.

    Fa piacere vedere un giovane che si impegna per la nostra città. grazie davvero

Comments are closed.