La Villa Comunale al posto del Tribunale di Milano e nessun ‘berluscones’ dall’altra parte della barricata. Forse non ci saranno neppure sputi e lanci di monetine… e forse è meglio così. Eppure,  nonostante questo, Cerignola conoscerà il suo momento d’indignazione nei confronti del ‘processo breve’, l’  «ennesima  legge ad personam che il governo attua per difendere gli interessi del nostro Primo Ministro» – come si legge nella ‘chiamata alle armi’ degli organizzatori -. Gli organizzatori, appunto… Nell’ordine: Partito Democratico, Sinistra Ecologia e Libertà, Italia dei Valori e (udite udite) Federazione della Sinistra e Partito Socialista. Mentre le ultime due entità astratte  si tormenteranno con l’interrogativo «Mi si nota più se vado o se non ci vado ?», gli altri big si sono dati appuntamento alle ore 11 davanti alla Villa Comunale. Alla fine della fiera una bella foto – ricordo (fa niente se vengono in bianco e nero, non è colpa della vostra macchinetta) a ricordo di una bella giornata di lotta, contatto con la gente e immersione nei problemi reali dei quartieri. I più piccoli potranno portarsi a casa una foto con reperti preistorici: mica facile di ‘sti tempi fotografare un socialista od un ‘federato di sinistra’ (?). Eh poi… vuoi mettere la modernità di un’iniziativa del genere… Basta farsi un giro nei bar per capire che, ‘prescrizione’ e ‘legittimo impedimento’, i cerignolani li accompagnano quotidianamente a cornetto e cappuccino… Buche per la strada, inceneritore, fogne bianche, disoccupazione, criminalità e servizi sociali… ma quando mai ? Sono roba da Prima Repubblica. E allora ‘compagni alle armi’ che mica ci possiamo mettere a girare Torricelli, Santa Barbara, La Moschella… ci vengono i calli e poi quelle cose le faceva il Pci, che si è visto che fine ha fatto. Siamo in un’altra era e poi la gente è dalla nostra. La dimostrazione ? Contro il processo breve, domani, a Cerignola, manifesteranno le giovani madri che non vedono un assegno di maternità chissà da quando, i commercianti rapinati un giorno sì e l’altro pure, i residenti di Santa Barbara, i neolaureati ancora a spasso. Ah dimenticavo… ad aprire il corteo i lavoratori ex Asia: volesse il cielo che, tra un legittimo impedimento ed un decreto intercettazioni, si ritrovino il loro Tfr.