Franco Metta, prendendo spunto da alcune pubblicazioni della stampa locale, assume una decisa posizione in contrasto con Gianni Ruocco, consigliere comunale dei Moderati per Tonti. Il presidente del MP La Cicogna riassume le ultime vicende politiche cittadine, affermando che non firmerà la proposta del farmacista circa la convocazione di un Consiglio comunale sulla crisi amministrativa e che unico obiettivo (in Consiglio o con le firme di scioglimento dello stesso) è mandare via l’attuale Amministrazione. Di seguito la nota dell’avvocato.

Cari Direttori de “L’attacco” e de “ Il Mattino di Foggia”,
nella nota a firma di Roberta Fiorenti,pubblicata a pagina 15 del numero di oggi de “L’attacco”, Gianni Ruocco “crede di interpretare il pensiero del PD e dell’avvocato Metta” . Il mio pensiero,solitamente,non ha bisogno di interpreti e mi sorprende che il dottor Ruocco si impegni in questa attività. Dunque,mi costringe ad una puntualizzazione. Racconto i fatti. Gianni Ruocco ha trasmesso al Movimento Politico “La Cicogna” e al PD una proposta di auto convocazione del Consiglio Comunale sulla crisi in atto all’interno della maggioranza. Il Movimento,che presiedo,ha ritenuto il testo di Gianni Ruocco assolutamente non condivisibile e – dunque – non si è mai sognato di farlo proprio. Questo per due ragioni evidenti. La prima,di carattere formale,ma non per questo irrilevante.
Non esiste che un Consigliere Comunale chieda la firma di una proposta di auto convocazione ad altri gruppi,rendendo pubblico,senza alcuna preventiva consultazione,un testo,sul quale La Cicogna è IN ASSOLUTO E TOTALE DISSENSO. Per la ragione di forma,che ho appena sottolineato e per una questione di merito. Nel testo del documento predisposto da Gianni Ruocco, e al quale noi siamo del tutto estranei,c’è un incomprensibile ed incondivisibile passaggio,nel quale Ruocco dichiara che MAI egli firmerà per lo scioglimento del Consiglio Comunale! Rispetto a questa posizione noi siamo in radicale dissenso. Reputiamo una disgrazia per la città di Cerignola questa Amministrazione e questo Sindaco. Quindi,non avremmo avuto e non avremo dubbi o perplessità,nel caso si creino le condizioni,pratiche e politiche,ad andare all’auto scioglimento del Consiglio Comunale. L’intervento di Ruocco rischia di creare sul punto delle perplessità e dei dubbi,che non hanno ragione di esistere. Giudico l’intervento di Ruocco del tutto errato. Faccio credito a Ruocco di buona fede,ma gli contesto l’assoluta infondatezza delle tesi che sostiene e lo prego di evitare,da oggi in avanti,di auto assegnarsi il compito di interprete dei pensieri e delle intenzioni del mio Movimento. Non so se veramente sia in atto la trasformazione di Gianni Ruocco da Moderato per Tonti ad immoderato sostenitore di Giannatempo. Mi auguro che questa sia una errata interpretazione. Quel che è certo è che – involontariamente o volontariamente –  in un momento di grande difficoltà del nostro Sindaco,Ruocco parte lancia in resta a dargli fiducia e sostegno,indebolendo la posizione di quanti sono in contrasto con il Sindaco ed incitandolo quasi a continuare a mantenere in questa posizione di stallo e di paralisi la civica amministrazione. Chiedo a Ruocco di riflettere sul significativo appoggio da Lui subito rimediato ad opera di Franco Reddavide,che ha condiviso le inappropriate parole riservate dal “moderato” a quanti volessero sciogliere il Consiglio Comunale. Consideri il mio amico Gianni che,Reddavide è il ventriloquo di Giannatempo;non solo, ma che Reddavide è uno di coloro che firmò – giustamente,io dico – per lo scioglimento della Amministrazione Valentino. Né mi pare che miglior fortuna abbia avuto Ruocco quando s’è impegnato ad “interpretare” il pensiero del PD. Infatti, Antonio Lapollo,che non credo parli a titolo personale,lo bolla stamattina sulle pagine del “Mattino di Foggia”,come “stampella della maggioranza”. Dunque,lasci perdere l’amico Ruocco attività,alle quali nessuno l’ha delegato. Quando La Cicogna – e il PD – vorranno parlare lo faranno a mezzo dei loro esponenti e responsabili politici. Io registro che con sospetta tempestività Ruocco nei giorni scorsi ha voluto rassicurare Giannatempo e “frenare” chi con Giannatempo ha aperto una dura e finora irrisolta vertenza. Attività che ha compiuto a titolo personale e,per quel che vale il giudizio del mio movimento,in maniera del tutto inappropriata,incondivisibile e negativa per l’intera Città. Ricordo a tutti che,mentre La Cicogna ed il PD,facevano mancare il numero legale per evidenziare la crisi politica della maggioranza,Ruocco restò – insieme a PDL e UDC,nelle due versioni – in aula,dissociandosi dalla iniziativa politicamente ineccepibile delle altre opposizioni. L’idea del MP La Cicogna è che,per il bene della città,Giannatempo debba andare a casa. Punto e basta. Se questo avvenisse con un voto contrario in Consiglio o con una iniziativa di auto scioglimento a noi de La Cicogna è perfettamente indifferente. L’importante è che Giannatempo vada a casa. Su questo concetto Cicogna e PD sono concordi. Il “moderato per non si sa più chi” dissente. Fatti suoi,ovviamente. Ma eviti di attribuire ad altri la sua personalissima e contestabilissima posizione. Quanto alle intenzioni dei quattro dissidenti, è ora di smetterla con interpretazioni libere ed immotivate. Non mi affanno in ricerche “dietologiche” , che non mi appassionano. Esattamente come non mi appassiona il “giochetto” di chi cerca,anche nelle posizioni di Ruocco,delle motivazioni recondite ed inconfessabili. D’altra parte,dimentica Ruocco, che sul problema Pece e nel senso auspicato dai “quattro”, si sono espressi anche il Coordinamento Provinciale,quello Cittadino del PdL e,praticamente, gli interi gruppi consiliari di maggioranza. Allo stato, stabilito che il PdL e l’UdC,nelle due versioni,non hanno ancora sul punto una linea politica,sembra chiaro che invece netta e risoluta sia l’intenzione di PD e Cicogna di mandare a casa il Gianna,in un modo o nell’altro: indifferentemente. Quello che non si capisce,invece,è che diavolo voglia Ruocco. E perché provi ad uscire dall’isolamento al quale si è auto condannato,coinvolgendo soggetti politici,che hanno una loro linea ed una loro chiarissima opinione.
Grazie per l’ospitalità.

Franco Metta

1 COMMENTO

  1. Molto puntuale la disamina di Franco. Sei un grande, saluti e stima da un tuo amico.

Comments are closed.