Re(SI)stiamo Uniti. Un gioco di parole per ricordare da un lato i 150 anni dell’unità d’Italia, dall’altro la liberazione dal nazi-fascismo che è una parte importante e gloriosa di questi 150 anni. Oltre il (brutto e fazioso) revisionismo storico di questi anni, la lotta partigiana resta un punto alto per la storia del nostro popolo; se 150 anni fa giovani italiani morirono per fare l’Italia, più di sessant’anni fa giovani italiani morirono per liberala, per questo la resistenza è patrimonio di tutti, e i valori della resistenza e dell’antifascismo sono i valori sui quali si fonda la nostra bellissima Costituzione, la nostra Repubblica. La resistenza fu un fenomeno soprattutto giovanile, che vide coinvolti per la prima volta tutti gli strati della popolazione e il “Forum Politiche giovanili” del PD di Cerignola ha, così, inteso ricordare quest’anno i giovani partigiani che sacrificarono la propria vita per il bene del paese, partendo anzitutto dalle loro storie, in una sorta d’ideale linea di continuità tra resistenza di ieri e di oggi, antifascismo di ieri e di oggi. Per usare le parole di Giorgio Bocca «la Resistenza è viva e operante come storia. […]Belli o brutti, i tremila e più libri sulla Resistenza formano un corpus storico che indica alle generazioni presenti e future l’importanza di questo periodo. E per la prima volta è una storia di varie origini e di varie prospettive, non la solita storia, esclusiva, dei ceti dominanti». Ricordare la Resistenza, le sue parole, le sue storie e i suoi suoni, è quello che il Forum Politiche Giovanili farà Martedì 26 Aprile dalle 11,00 in Piazza C.Battisti (ingresso ex Liceo Classico, davanti al Palazzo di Città), per affermare ancora una volta come essa sia storia di tutti noi e come sia compito dei giovani ricordarla e garantire la sua memoria.

Forum “Politiche Giovanili” PD CERIGNOLA