Oggi  27 Aprile (74° anniversario della morte di Antonio Gramsci) Cerignola è tornata ad essere una città antifascista. I rappresentati di PD, SEL, dell’associazione, A.N.P.I.,  A.N.P.I. “Sezione Giovani – Pasquale Specchio”, La fabbrica di Nichi, La meglio gioventù, RESURB, insieme ai ragazzi e ragazze che hanno voluto ricordare Teodato Albanese, hanno deposto i  fiori sulla lapide in memoria dell’avvocato di Cerignola trucidato dai tedeschi alle Fosse Ardeatine e apposta in Corso Roma dal Comune nel 1973. Si è, così, inteso simbolicamente rimediare alla mancata commemorazione del 25 Aprile da parte dell’amministrazione di centrodestra che ha scelleratamente deciso di non festeggiare il 25 Aprile, adducendo a scusa la coincidenza con la festività della “pasquetta”, e facendola slittare al 2 giugno.  Per la prima volta, così, quest’anno  le lapidi di Teodato Albanese e dei luoghi simbolo del 25 Aprile cerignolano sono rimaste disadorne di fiori. Abbiamo cercato di rimediare facendo deporre una corona floreale al fiore più bello dei partigiani, i giovani, sotto la lapide di Albanese, organizzando l’iniziativa come un flash mob, con tanto di silenzio eseguito alla tromba dalla giovanissima Anna Acquaro. Speriamo di aver dato ,in questo modo,  il giusto tributo a coloro i quali si sono sacrificati anche per la liberta di “quelli” che il 25 Aprile non lo vogliono proprio ricordare, e cercano di cancellarlo con un dei soliti colpi da prestigiatore di Giannatempo.

6 COMMENTI

  1. A prescindere dalla condivisione o meno di un fatto o di una scelta, mi chiedo: dov’è l’obiettività del giornalista che ha scritto questo articolo? Non si dovrebbero riportare i fatti così come avvenuti, evitando spudoratamente di scrivere il proprio pensiero? Mah!

  2. Da come si evince,l’articolo è sotto la firma dello Staff:per cui,è un comunicato giunto in redazione da coloro che hanno ideato tale iniziativa. La sua perplessità è stata chiarita completamente,sperando di averlo fatto in maniera completa con questa replica. Grazie,Staff

  3. A me puzza più di condivisione allora, sarebbe peggio. Normalmente siete voi stessi a recitare le parole “comunicato stampa”, cosa che qui manca, e non sempre gli articoli presenti nelle sezioni varie sono comunicati appunto, ma semplici articoli. Può essere una vostra dimenticanza, per carità, e mi auguro davvero che sia così.

    • Utilizziamo un “cappello” ai comunicati stampa provenienti da forze politiche di opposizione per differenziarli da quelli dell’amministrazione in carica. Per quanto riguarda le attività culturali, di qualsiasi entità o fazione, promosse da associazioni o partiti, non abbiamo mai specificato nulla, ma semplicemente le firmiamo come Staff. Se le va bene questa risposta ok, altrimenti non sappiamo davvero dove vuole arrivare. Le insinuazioni non fanno parte del nostro modus operandi…nè tanto meno la faziosità per questa o quella parte politica. Tutto il resto sono sterili polemiche che lasciamo a chi non ha nulla di meglio da fare.
      Ringraziandola per l’opportunità che ci ha dato, facendoci spiegare nello specifico come operiamo, la salutiamo affettuosamente… Staff!

  4. Mi va bene la risposta unicamente perché credo e voglio sperare nella buona fede dello Staff, consigliandovi, se permesso, l’appunto di specificare quando si tratta di comunicati stampa dell’amministrazione e via dicendo in ambito culturale, perché così come io sono caduto in errore, ritenendo il vostro un articolo scritto da voi, potrebbero farlo tanti altri ben più maliziosi del sottoscritto. Ricambio la gentilezza dei saluti e vi auguro buon lavoro.

Comments are closed.