Giovanni Deramo di 50 anni, pregiudicato e Sergio Martire di 36 anni, entrambi di Cerignola, sono stati tratti in arresto dai carabinieri della locale stazione, con l’accusa di furto aggravato. I due malviventi, sono stati colti con le “mani nel sacco”, mentre erano intenti a rubare in un area di fronte al depuratore comunale, materiale ferroso e tombini in ghisa, oltre a una parte della recinzione già tagliata. Alla vista degli uomini del 112, i due uomini hanno cercato la fuga a piedi, ma sono stati bloccati dai militari. Se fosse andato a segno il colpo, i due avrebbero intascato dalla vendita al mercato nero della refurtiva, circa 250 euro. Dopo le formalità del caso, i due arrestati sono stati accompagnati presso il carcere di Foggia e il materiale rubato, è stato consegnato al Comune, in quanto proprietario dell’intera area. Inoltre, gli agenti del Commissariato di pubblica sicurezza di Cerignola, hanno arrestato Francesco Lastella, 26enne del centro ofantino, per aver violato la misura di sorveglianza speciale, impostagli dalla Polizia.

5 COMMENTI

  1. Mi sarei aspettato una satira pungente e deridente come quella sul caso dei vigili che evitarono il furto di altri tombini…

    • Ci spiace caro Giotto ma non è nel nostro stile scherzare su cose serie (a parte la nostra rubrica tematica satirica).
      Abbiamo un altro modo di fare informazione…
      Grazie per il suo intervento… Staff!!!

  2. caro giotto non è nello stile di chi fa questo bel sito scherzarre su fati di cronache

  3. forse giotto si riferiva ad un altro articolo letto su marchiodoc in cui si scherniva l’operato dei vigili urbani in merito ad un operazione simile a quella condotta dai carabinieri, extracomunitario bloccato mentre rubava un tombino di ghisa in città!…

Comments are closed.