Pubblichiamo un comunicato emesso da Luca Reddavide, capogruppo dell’Unione di Capitanata Cerignola, sulla situazione politica dell’Amministrazione Giannatempo. Di seguito il documento completo.

Quanto successo nella seduta consiliare di Lunedì 2 Maggio, impone ai rappresentanti in Consiglio Comunale dell’Unione di Capitanata, le precisazioni espresse dai Consiglieri del Movimento attraverso il Capogruppo Consiliare Luca Reddavide, unitamente alle considerazioni del Presidente del Movimento, Consigliere Regionale Giannicola Deleornardis. Quanto avvenuto in Consiglio Comunale segna indubbiamente un punto molto basso della politica locale, tanto più basso in considerazione che questa Amministrazione è in carica da nemmeno un anno, tanto più basso quando questioni personali vengono forzatamente spacciate per questioni politiche, rinunciando alla loro naturale composizione nelle sedi di partito, dando vita a spettacoli indecorosi e di bassa lega che la nostra città non comprende e di sicuro non merita, come dal Capogruppo Luca Reddavide dichiarato in Consiglio Comunale. E’ chiaro a tutti, al di là delle comprensibili forzature da parte dell’opposizione consiliare, che quella determinatasi è una crisi tutta politica, non amministrativa. Come Unione di Capitanata  non ci aspettavamo che questa potesse diventare IL CAVALLO DI TROIA per alcuni esponenti della maggioranza presenti in Consiglio, per porre sul tappeto questioni evidentemente personali di nessuna rilevanza politica. Non ci appassionano, e crediamo non appassionino i nostri concittadini, polemiche e  posizioni personali, non possiamo comunque tacere ed accettare altolà da parte di chicchessia. Riteniamo di essere stati fin qui coerenti con gli impegni assunti in campagna elettorale, e leali nei confronti dei cittadini e delle altre forze politiche della coalizione a cui abbiamo aderito. Di questo siamo sicuri ed orgogliosi e da tanti ci viene riconosciuto, Sindaco in testa. Le questione interne all’UDC con la nascita del nostro movimento, appartengono alla dialettica di confronto interna ai partiti, ciò non ha comunque determinato, né determinerà, il venir meno degli impegni assunti. Siamo stati, siamo e continueremo ad essere coerenti e leali nel confronti dell’Amministrazione e della Città che ci ha premiato ogni oltre più rosea aspettativa. Come sottolineato ed in questa occasione ribadito dal Presidente Provinciale Deleonardis “Stiamo mettendo in atto in tutta la provincia quel rinnovamento politico tanto invocato, quel diverso modo di operare, nel segno della coerenza e della lealtà personale ed istituzionale, che non si nasconde dietro ricatti personali. Amministrare oggi è difficile, diventa impossibile se all’interesse della comunità vengono anteposte questioni politiche personali che, quando legittime, devono trovare riferimento all’interno dei partiti e rimanere nell’alveo della politica, e non mai ripercuotersi all’interno del Consiglio Comunale, finendo per intralciare ed essere di peso all’attività amministrativa”. Abbiamo ben presente e pratichiamo quel concetto di correttezza istituzionale e di rispetto delle rappresentanze politiche in consiglio, in questa occasione calpestato. Mai ci permetteremmo di inveire immotivatamente contro assessori del nostro partito, né della nostra stessa maggioranza, convinti che siano altre le sedi di confronto su questi temi. Questo non significa limitare la libertà di critica di alcuno, significa pretendere che essa sia  espressa in termini di rispetto alle persone ed alle forze politiche di cui esse sono espressione, senza trascendere nell’offesa e nella volgarità. Per senso di responsabilità, noi non abbiamo posto questioni di poltrone, nè abbiamo chiesto alcunché al Sindaco, a maggior ragione in questo momento di fibrillazione politica interno anche alla PDL, abbiamo confermato e riconfermiamo con convinzione e forza la nostra rappresentanza all’interno dell’Amministrazione Giannatempo, convinti della bontà dell’operato del Presidente Curiello e dell’Assessore Romano  a cui va il nostro sostegno politico e la nostra solidarietà personale, in quanto oggetto di inopportuni ed immotivati attacchi da parte di membri della stessa maggioranza, attacchi che nulla hanno a che spartire con la politica. Ciò detto, non possiamo che invitare tutti gli amici della maggioranza ad abbassare i toni per permettere un confronto politico sereno, serio e costruttivo scevro di personalismi nell’interesse della città. Confrontiamoci con la volontà ed il buon senso che ci contraddistingue, cercando soluzioni condivise che possano ulteriormente migliorare quanto fin qui fatto. Noi siamo pronti.
Luca Reddavide, Capogruppo Consiliare dell’Unione di Capitanata di Cerignola