Quasi 4500 appartamenti occupati non dichiarati e alcune migliaia di persone – il dato preciso non è ancora a disposizione – che non hanno mai pagato la Tarsu. Sono le cifre che testimoniano quanto sia diffusa a Cerignola l’evasione totale della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani. “Stiamo mettendo in campo azioni atte a contrastare questo fenomeno . spiega l’assessore al Bilancio Nicola Gallo – sono enormi i mancati introiti per le casse dell’Amministrazione Comunale. Nei prossimi giorni verrà emessa una prima tranche di avvisi di accertamento e di questionari al fine anche di testare la bontà dei risultati ottenuti attraverso l’analisi dei dati finora compiuta dagli uffici preposti. Entro la fine dell’anno arriveremo all’attività di accertamento massiva vera e propria”. Un intervento che va nella direzione indicata dal Sindaco, Antonio Giannatempo, nell’ultima campagna elettorale e nelle linee programmatiche del suo mandato illustrate un anno fa. “Dobbiamo centrare, o perlomeno avvicinarci all’obiettivo di pagare di meno, facendo pagare a tutti la tassa – afferma il primo cittadino – va rivendicato e applicato un principio di equità sociale, tanto più necessario in un momento di crisi economica come quello attuale”. Un lavoro non facile, quello fin qui condotto dagli uffici comunali, perché, come spiega lo stesso Gallo, “mentre sugli accertamenti ICI, in passato, era stata fatta una capillare analisi dei dati catastali per verificare le posizioni dei contribuenti, il lavoro da fare in merito alla Tarsu era decisamente più complicato”. Già dai primi giorni dell’insediamento, ci si è resi conto che i dati necessari per una efficace attività di accertamento erano comunque già in possesso del Comune ma in un formato informatico non fruibile dagli addetti alle attività di accertamento, con attività che procedevano a tentoni. “Ora stiamo riuscendo a dare ordine al tutto – prosegue l’assessore -. Abbiamo infatti a disposizione in formato elettronico, ed immediatamente fruibile, tutti i dati anagrafici dei contribuenti di Cerignola relativi a nuclei familiari, residenze, variazione delle stesse, ed una miriade di altre informazioni che stanno dando il quadro completo dell’evasione totale della tassa. È un’attività dovuta nei confronti dei nostri cittadini”.