E’ il commento di Carlo Dercole di Generazione Futuro, costola giovanile di Futuro e Libertà, che in una nota parte dall’analisi del voto amministrativo della vicina Orta Nova (al ballottaggio ha vinto la candidata del Pd, Calvio battendo Porcelli, esponente proprio di Fli), giunge ai fatti di casa nostra, affermando che il sindaco Giannatempo sia passato in secondo piano nel suo partito di appartenenza. Di seguito il documento.
Evidentemente, qualcuno ha voluto imitare quel famoso portiere che dopo aver perso 0 a 6, si presentò ai microfoni dicendo “però ho parato un rigore”. Le gaffe con sfondo ridicolo sarebbe meglio non imitarle. Il Pdl ha perso ovunque. Ad Orta Nova, non ci sentiamo minimamente sconfitti, anzi. Senza un euro e senza portare nè Fini nè Bocchino, Fli ha buttato fuori al primo turno il Pdl di Moscarella, sindaco uscente e consigliere provinciale, relegandolo ai minimi storici. Fli è arrivata al 7,2% ed il Pdl all’8 per interderci. Io ricordo un ritornello cantato dai pidiellini “Fli è comunista, va a sinistra.” Ma alla luce dei fatti, chi è andato a sinistra pur di non far vincere Fli è stato il Pdl, che si è riversato in massa ad Orta Nova a votare il candidato del pd. Questo vale più di una vittoria di Porcelli e di Fli. Questo è il segnale che il Pdl è al tramonto. Si sono ridotti a votare i “comunisti”, come loro chiamano l’elettorato di centro-sinistra. Ora i comunisti non puzzano più? Oppure i comunisti di Orta Nova vanno in controtendenza e si lavano? Il vento è cambiato. Negli altri 3 comuni della nostra provincia Fli ha vinto. Pertanto è il Pdl che ha impedito di vincere a Fli e non il contrario. Se non è vittoria questa per un partito appena nato… Vorrei far arrivare un messaggio al nostro sindaco. Caro sindaco, Lei ha detto di recente che Fli non va da nessuna parte. Si rende conto che è stato messo all’angolino nel suo partito oggi che è sindaco… Non oso immaginare domani che non lo sarà più… Pur di non far vincere Fli ad Orta Nova, il vero burattinaio del Pdl cerignolano non ha fatto entrare in consiglio comunale Sua sorella, sindaco, dato che solo con la vittoria di Porcelli poteva entrare. Chi Le remava contro, non volendo assolutamente la Sua candidatura a sindaco, oggi cerca di farLe credere di essere ampiamente dalla Sua parte, pur di sfruttare la Sua posizione ed avere benefici personali. Questo modo di far politica, finalmente è stato bocciato. Far politica vuol dire passione, voglia di fare, di lavorare e far crescere la propria città e non un modo di “sistemarsi”. Finalmente sta cambiando il sistema. E le stesse persone che fingono ora, di star con Lei, non hanno esitato a festeggiare e rendere nota la sconfitta di Sua sorella ad Orta Nova, pur di far notare la vittoria del loro “profeta”. A buon intenditor…
Carlo Dercole – Generazione Futuro