Pubblichiamo di seguito una nota del Movimento Politico la Cicogna, a firma Giuseppe Lemma, esperto del settore bilancio per il gruppo civico, sul rendiconto di gestione per l’anno 2010. Ecco il documento completo.
Abbiamo voluto approfondire l’analisi del rendiconto della gestione per l’anno 2010 ed è emerso che è vero che si è avuto un avanzo di gestione pari a € 1.849.927,82 da destinare a nuove o maggiori spese correnti, ma ci sono delle attente valutazioni da fare. Prescindendo dal riporto dei saldi al 01/01/2010 e soffermando l’attenzione solo su quanto accaduto nell’anno 2010, dalle risultanze del conto del Tesoriere emerge che i pagamenti effettuati sono stati maggiori delle riscossioni realizzate con un saldo negativo di € -2.478.195,46. Passando all’analisi in dettaglio della composizione dei residui attivi o crediti, che sono tutte le somme accertate e non riscosse nel corso dell’esercizio 2010, e di quella dei residui passivi o debiti, spese impegnate e non pagate entro la fine dello stesso esercizio, si evince la prevalenza di questi ultimi per una differenza negativa pari a € -2.765.882,65. I debiti sono quindi maggiori dei crediti. Del fatto che dal punto di vista economico – finanziario e patrimoniale al Comune di Cerignola non tutto procede effettivamente per il verso giusto se ne sono accorti, non poteva essere altrimenti, i Revisori Contabili. Infatti, nelle considerazioni finali circa la valutazione del risultato della gestione dell’anno 2010, essi fanno delle notevoli rilevazioni: fra i residui attivi sussistono delle poste il cui accertamento risale a diverso tempo addietro. Si tratta in particolare di fitti non riscossi e di sanzioni relative al Codice della Strada. I Revisori invitano il Comune ad adoperarsi per pervenire alla loro riscossione; non risultano essere stati rispettati 4 dei 10 parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale previsti dal Decreto del Ministro dell’Interno del 24/09/2009 (residui attivi rapportati alle entrate; residui passivi rapportati agli impegni di spesa corrente; procedimenti di esecuzione forzata rapportati alle spese correnti; debiti di finanziamento rapportati alle entrate correnti). Conseguentemente, i Revisori, in considerazione che il mancato rispetto di metà dei parametri previsti determinerebbe il verificarsi della deficitarietà strutturale, invitano gli organi del Comune ad attivarsi, con la massima rapidità, per riportare nei limiti prescritti dalla Legge almeno i parametri relativi ai procedimenti di esecuzione forzata rapportati alle spese correnti ed ai debiti di finanziamento rapportati alle entrate correnti; nel corso dell’esercizio 2010 sono stati riconosciuti debiti fuori bilancio per € 2.848.281,90. Gli organo gestionali del Comune sono sollecitati dai Revisori ad attuare tutte le iniziative necessarie a rimuovere gli elementi che possano contribuire a generare i debiti fuori bilancio, la cui entità condiziona negativamente le azioni atte al raggiungimento degli equilibri di bilancio; al fine di rendere attendibile il Conto del Patrimonio del Comune, i Revisori prescrivono che in tempi brevi si provveda all’aggiornamento degli inventari; i Revisori evincono che il Comune non si è ancora dotato degli strumenti per il controllo di gestione. Si rende necessario attivare i principali controlli interni previsti dal Decreto Legislativo 286/99 e realizzare un adeguato sistema di contabilità economica; è fondamentale monitorare gli adempimenti inerenti lo stato di liquidazione della società partecipata ASIA SpA, affinché l’esecuzione degli stessi avvenga nel pieno rispetto della Legge. Quindi per quanto sopra riportato si può affermare che la situazione economico – finanziaria e patrimoniale del Comune di Cerignola non è affatto quella che l’attuale maggioranza di governo della città sta propagandando in questi giorni. I maggiori saldi presi singolarmente sono negativi e, di questo passo, potrebbero portare al dissesto finanziario, unitamente al totale riconoscimento dei debiti fuori bilancio, molti dei quali sono stati sino ad ora ignorati, e al mancato rispetto dei Parametri Obiettivi per i Comuni stabiliti dal Ministero dell’Interno.
Cerignola, 02 Giugno 2011
Per il Movimento Politico La Cicogna
Dott. Giuseppe Lemma